Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

5 suggerimenti per scoprire se la vostra umiltà è vera o falsa

DUST
Condividi

di Mauricio Montoya

L’umiltà è una virtù che tutti valorizziamo e sicuramente desideriamo, ma nel cercarla ci troviamo di fronte a diversi modi di vederla. A volte queste maniere di percepirla diventano erronee, e per questo vorrei condividere con voi cinque suggerimenti o consigli per identificare una falsa umiltà e sapere come avventurarsi nel compito di purificarla, non senza prima ricordare il significato della parola “umiltà”.

Come si definisce l’umiltà?

Il Catechismo della Chiesa Cattolica ci offre un riferimento da cui possiamo partire per offrire una definizione sommaria di questa virtù: “L’umiltà ci fa riconoscere: « Nessuno conosce il Padre, se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare » (Mt 11,27), cioè « ai piccoli » (Mt 11,25)” (CCC, 2779). In altre parole, l’umiltà è una virtù necessaria per poter conoscere il Padre, e questa conoscenza è impossibile se non avviene per mezzo di suo Figlio Gesù Cristo.

Gesù ci rivolge un forte appello ad essere come bambini per poter raggiungere il Regno dei Cieli, e quindi l’umile è chi riconosce la necessità di essere semplice, “piccolo”, e di confidare nell’aiuto dello Spirito Santo. Avendo chiaro questo concetto, passiamo ai suggerimenti!

1. Pregate? Com’è la vostra preghiera?

Porvi queste due domande può servire come “termometro spirituale” per misurare la vostra capacità di essere umili, perché chi prega si riconosce bisognoso e confida nella bontà e nella misericordia di Dio. Chi si tiene lontano o abbandona la preghiera cade nel pericolo di confidare solo in se stesso e di credersi autosufficiente. In altre parole, una persona che allontana la preghiera dalla sua vita trova molto più difficile essere umile, perché l’incontro con il Padre ci porta a sentirci piccoli e bisognosi del suo aiuto.

La soluzione a questa situazione inizia con un esame di coscienza in cui riconosciamo i nostri fallimenti e allo stesso tempo anche la misericordia di Dio nella nostra vita. In questo modo potremo comprendere che il cammino spirituale esige una crescita della nostra piccolezza, della nostra umiltà.

Pagine: 1 2 3

Tags:
umiltà
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni