Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Chi è davvero Gesù? Qualcosa di cui hai sentito dire o una presenza incontrata?

JESUS,SALVATOR MUNDI
Condividi

Il dono della fede è poter dire il nome e il cognome di ciò che stiamo cercando: “Gesù è il Signore”

Un giorno, mentre Gesù si trovava in un luogo appartato a pregare e i discepoli erano con lui, pose loro questa domanda: «Chi sono io secondo la gente?».
Essi risposero: «Per alcuni Giovanni il Battista, per altri Elia, per altri uno degli antichi profeti che è risorto».
Allora domandò: «Ma voi chi dite che io sia?». Pietro, prendendo la parola, rispose: «Il Cristo di Dio».
Egli allora ordinò loro severamente di non riferirlo a nessuno.
«Il Figlio dell’uomo, disse, deve soffrire molto, essere riprovato dagli anziani, dai sommi sacerdoti e dagli scribi, esser messo a morte e risorgere il terzo giorno». (Lc 9,18-22)

Il Vangelo di oggi inizia con un’annotazione che non è di poco conto: “Un giorno Gesù si trovava in un luogo solitario a pregare”. A me colpisce sempre molto la descrizione che il Vangelo fa della preghiera di Gesù. C’è come una continua esigenza Sua di prendersi sempre gli spazi di preghiera. E noi che siamo abituati a pensare in termini di autosufficienza, non riusciamo a spiegare il motivo per cui Gesù, che in teoria non dovrebbe aver bisogno di niente e nessuno, si fa costantemente bisognoso nella preghiera. Forse dovremmo convertire il nostro modo di intendere Cristo e di intendere la preghiera.

Fatto sta che da questo “incontro” Gesù tira fuori una domanda serissima: “I discepoli erano con lui ed egli pose loro questa domanda: «Le folle, chi dicono che io sia?». Essi risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa; altri uno degli antichi profeti che è risorto». Allora domandò loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro rispose: «Il Cristo di Dio»”. Su questa domanda si basa ogni autentica conversione cristiana. Quando ci sentiamo interpellati personalmente da Cristo, così da domandarci “chi è davvero Lui per me”, allora tutto può cambiare: non più un’educazione ricevuta ma una persona incontrata, ecco cosa diventa il cristianesimo. Ma rispondere correttamente a questa domanda, così come fa Pietro, non è attitudine o bravura nostra, è dono. La fede è dono. E la fede è poter dire il nome e il cognome di ciò che stiamo cercando: “Gesù è il Signore”.

Ma Cristo immediatamente aggiunge a questa consapevolezza nuova, nata nei discepoli, il realismo cristiano: «Il Figlio dell’uomo – disse – deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e risorgere il terzo giorno». Cioè credere non ci risparmia la fatica della vita. Sapere perché vale la pena vincere le olimpiadi non ci esime dalla fatica dell’allenamento, anzi la motiva di più. La fede dovrebbe motivarci di più a vivere bene anche ciò che nella vita non ci piace ma esiste comunque.

#dalvangelodioggi

Tags:
vangelo
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni