Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sei schiavo del giudizio degli altri? Devi ancora scoprire come ti guarda Dio!

Condividi

Lo sguardo del Signore ci libera dalla dipendenza del dover piacere a tutti e ad ogni costo

Perché siamo schiavi del giudizio degli altri? Cosa c’è dietro il timore dell’opinione altrui? Anita Dududu ha confezionato un nuovo video dal titolo “Come supero il giudizio degli altri” dove racconta quanto da adolescente fosse condizionata dal parere delle persone e di come lo sia in parte ancora oggi. “Ne ho sempre un po’ sofferto” dice, e chi può affermare il contrario? Nel mio caso credo che spesso dietro la mia schiavitù circa l’opinione degli altri ci sia in fondo il desiderio di piacere, di essere considerata sempre bella, brava, buona, perfetta… alla faccia dell’umiltà! 🙂

Quando avevo vent’anni alla fine di una confessione nella quale ammisi le mie colpe con un tono del tipo “sì, però sono sempre fraintesa” e quindi trovando ogni volta giustificazioni alle mie responsabilità, il sacerdote dal quale mi aspettavo il solito discorsetto, inaspettatamente parlò pochissimo, più che altro mi guardò e poi sorrise. Non mi diede nulla come penitenza, nessuna preghiera da recitare, ed io rimasi sorpresa. Mi venne da piangere senza capire il perché. Solo dopo alcuni anni compresi il motivo di quelle lacrime: il suo sguardo. Quegli occhi pieni di tenerezza mi mostrarono la mia povertà e l’amore con il quale Dio mi accoglie.

“Cercavo nello sguardo degli altri la mia identità”

Anita nel filmato racconta come il teatro, il canto, la musica l’abbiano aiutata, le abbiano trasmesso sicurezza, ma senza risolvere il suo problema in profondità. Tutto è cambiato per lei quando all’età di 22 anni ha cominciato un cammino di fede serio e concreto che le ha donato la possibilità di fare esperienza di Dio nella sua vita, di pregare e di parlare con Lui :

“Ho scoperto lo sguardo di Dio che fino ad allora non pensavo fosse su di me”

Siamo schiavi del giudizio degli altri fino a quando non scopriamo con quale amore ci guarda Dio.

Grazie Anita per la tua testimonianza.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni