Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 17 Gennaio |
Sant'Antonio
home iconStorie
line break icon

Visioni, benedizioni, pazzie. Che trauma "The passion" di Mel Gibson!

Youtube

Sergio Rubini

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 25/09/18

E' raccapricciante il racconto di quello che è accaduto dietro le quinte, secondo l'attore Sergio Rubini, che ha interpretato il ladrone buono

Uscito nel 2004, “La passione di Cristo” si è rivelato, a sorpresa, un vero e proprio successo con oltre 600 milioni di dollari di incasso a cui sono seguite reazioni di vario genere, tra chi ha accusato il regista Mel Gibson di antisemitismo e chi lo ha considerato una sorta di epifania del dolore.

Una spaccatura alimentata dai pareri contrastanti della stampa che hanno agevolato non poco il suo successo. Oltre a Rubini, il cast comprendeva altri interpreti italiani come Monica Bellucci (la Maddalena), Rosalinda Celentano (Satana), Claudia Gerini (moglie di Pilato), e Mattia Sbragia (Caifa) (Movie Player, 23 settembre).

Il “trauma” del buon ladrone

Il buon ladrone era invece l’attore pugliese Sergio Rubini, che alla trasmissione Propaganda Live (21 settembre), ha consegnato un ricordo a dir poco allucinante di “The passion”. Aneddoti e retroscena che hanno dell’incredibile e hanno rappresentato per lui un vero e proprio incubo.

Visioni e conversioni!

«Fu una esperienza terribile – confessa Rubini – io ho avuto problemi seri con Mel Gibson (…) Era un set particolare. A Matera, dove giravamo, tutti avevano le visioni, gente che si è convertita. Era pieno di preti ovunque e si facevano tre messe al giorno. Una in latino, una in inglese e una in materano. Jim Caviezel girava per le strade con il trucco di scena addosso e benediceva i bambini».




Leggi anche:
I 3 giorni tra morte e resurrezione di Cristo: Mel Gibson prepara il colossal

“Mezzo nudo a novembre”

Nel controverso film sulle ultime ore di Gesù, l’attore pugliese vestiva i panni del buon ladrone, Disma, che finisce in croce sul Golgota e chiede perdono per i suoi peccati, guadagnandosi la salvezza eterna. O meglio svestiva: «Andavo in giro mezzo nudo per la città. Figurati io sono di Altamura e ho studiato lì. Immagina. Era novembre. Novembre a Matera! E io non avevo messo in conto cosa significasse essere appeso ad una croce a novembre con il perizoma!».

La croce

Rubini si sofferma soprattutto sull’attenzione di Gibson ai particolari e alla necessità maniacale di ricostruire ogni cosa in maniera perfetta: «Voleva che fosse tutto vero, poco ci mancava che avesse usato i chiodi per appenderci alla croce. Io ero attaccato e dovevo dare l’idea di pendere. Era molto faticoso (…)».




Leggi anche:
Mel Gibson sta lavorando al sequel de La Passione

Tags:
the passion
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Semplici scatti
Puoi chiamarle coincidenze ma sono carezze di...
Gelsomino Del Guercio
Etiopia, strage di cristiani nel Tigrai: dife...
SALVE REGINA
José Miguel Carrera
Un Salve Regina come non lo avete mai visto
Silvia Lucchetti
Silvia e Andrea: il nostro matrimonio stava c...
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo sp...
FRA BENIGNO ESORCISTA
Chiara Ippolito
Il più commovente caso di liberazione: quando...
COVID
Gelsomino Del Guercio
Il prete: benedivo senza olio i malati gravi,...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni