Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 09 Marzo |
San Domenico Savio
home iconSpiritualità
line break icon

Perché San Michele è considerato il protettore delle persone ammalate e dei moribondi?

SAN MICHELE

Domaine Public

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 25/09/18

Lo attesterebbero antiche guarigioni miracolose, conversioni, pentimenti avvenuti in punto di morte

Le persone gravemente ammalate, ed in particolare quelle morenti, vengono spesso affidate a San Michele Arcangelo.

Don Marcello Stanzione in “Novena a San Michele – Principe degli Angeli e protettore della Chiesa” (Editrice Ancilla) ci spiega il motivo di questa particolare devozione nei confronti del Principe degli Angeli.

Le origini: le chiese orientali

Nelle prime chiese orientali gli fu attribuita in particolare modo la funzione di guaritore, associata alla sua generale sollecitudine per il benessere delle persone affidate alla sua protezione.

La tradizione riferisce che nei primi anni, San Michele creò una sorgente medicinale che nasceva a Chairotopa vicino a Colossi, nella Frigia (attuale Turchia), e tutti i malati che furono bagnati lì, invocando la Beata Trinità e San Michele, furono guariti.

I Pagani avevano deviato il corso di un ruscello contro il Santuario di San Michele per distruggerlo, ma l’Arcangelo fendette la roccia con un lampo per dare un nuovo letto al ruscello e santificò per sempre le acque che uscivano da quella gola.


SAINT MICHEAL

Leggi anche:
La novena a San Michele Arcangelo: 9 preghiere speciali per chiedere la sua intercessione

Costantinopoli e il Nilo

A Costantinopoli, inoltre, San Michele fu il grande medico celeste. I cristiani d’Egitto affidarono il fiume che dava loro sostentamento, il Nilo, alla protezione di San Michele.

Molti altri esempi di natura miracolosa illustrano il suo potere di curare i malati, potere che condivide con San Raffaele, “il medico di Dio”.

Sebbene “comandante militare” della Chiesa di Dio, scrive Stanzione, San Michele si interessa profondamente a tutti i grandi avvenimenti pubblici del suo popolo, e particolarmente alle calamità, senza trascurare le richieste personali di aiuto in qualunque circostanza.

SAN MICHELE
Mentnafunangann I CC BY-SA 4.0

Le “direttive” della Chiesa

«Il suo occhio vigila, su tutta la terra – scriveva il liturgista benedettino Dom Guéranger – presso il letto dei moribondi; poiché è suo incarico particolare ricevere le anime elette quando escono dal loro corpo. Con tenera sollecitudine e incomparabile maestà, egli le presenta alla luce eterna e le introduce nella casa della gloria di Dio. È la Santa Chiesa stessa che, nei testi della liturgia, ci istruisce su queste prerogative del grande Arcangelo. Ci insegna che è stato preposto al Paradiso, e che Dio gli ha affidato le anime sante per condurle nella regione della felicità senza fine».


SAINT MICHEAL

Leggi anche:
Papa Francesco ha invocato più volte l’aiuto di San Michele Arcangelo

L’ora della morte

E’ una pratica quotidiana raccomandabile invocare San Michele di assisterci nell’ora della morte. Sarebbe molti, secondo Stanzione, i fedeli a San Michele che hanno ricevuto il suo aiuto in quell’ora.

Tra gli scritti di Sant’Alfonso dei Liguori, troviamo un racconto dell’assistenza di San Michele nell’ora della morte. Narra di un nobiluomo polacco che aveva condotto per molti anni una vita dissoluta.

  • 1
  • 2
Tags:
san michele arcangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Lucandrea Massaro
Blasfemia a Sanremo: “Perché mi percuoti?”
2
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
6
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
7
Franciscan Mission of Legnano
Cerith Gardiner
Gustatevi la gioia di questi frati e suore francescani che ballan...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni