Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quando le orme di Gesù rimasero impresse nella pietra

Maria Paola Daud
Condividi

La chiesa romana di Santa Maria in Palmis (Domine Quo Vadis)

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

“Signore, dove vai? (Domine, quo vadis?)” è quello che Pietro chiese a Gesù in un’apparizione, mentre fuggiva da Roma per paura delle persecuzioni di Nerone contro i cristiani. “Vado a Roma perché mi crocifiggano di nuovo (Eo Romam iterum crucifigi)”, rispose il Signore, e allora Pietro comprese che doveva tornare indietro per affrontare il martirio, che doveva essere crocifisso e glorificare con la sua morte Nostro Signore Gesù Cristo.

Secondo gli Atti di Pietro, uno scritto apocrifo, tutto questo avvenne sulla Via Appia Antica, molto vicino alle catacombe di San Sebastiano.

Per ricordare questo fatto, sul luogo venne eretta una chiesa. L’anno della sua costruzione non è certo. I primi documenti che parlano della sua esistenza risalgono a prima del IX secolo.

Domine quo vadis

Il nome originale della chiesa è Santa Maria in Palmis, ma tutti la chiamano Domine quo vadis.

La chiesa custodisce un elemento interessante. Al centro del tempio, verso destra, si trova una lastra di marmo (copia di un rilievo conservato nella vicina basilica di San Sebastiano) su cui si notano quelle che secondo la tradizione sarebbero le orme lasciate da Gesù sulla strada il giorno dell’apparizione a Pietro.

Le orme sono lunghe 27,5 centimetri, il che corrisponde a una scarpa di numero 44/45, all’epoca misura piuttosto notevole.

Gli scritti sugli Atti di Pietro, risalenti a fonti apocrife del II secolo, si sono diffusi ancor di più nella tradizione popolare grazie alla scoperta delle impronte.

Chi ha l’opportunità di visitare le catacombe di San Sebastiano, le più antiche di Roma, non dimentichi di visitare questa piccola chiesa del “Quo Vadis”, tanto importante per poter comprendere le nostre radici cristiane.

Nel tempio, oltre a tante reliquie dei primi martiri cristiani, si possono trovare anche alcune opere importanti come il Salvator Mundi, ultima opera di Gian Lorenzo Bernini, e un busto dedicato allo scrittore polacco Henryk Sienkiewicz, autore del famoso romanzo storico Quo Vadis?, che gli valse il Premio Nobel per la Letteratura nel 1905.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni