Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il Vaticano prepara il “piano Medjugorje”: più messe, sacerdoti e strutture per i fedeli

MEDJUGORJE
Shutterstock-Hieronymus
Condividi

Si va verso l'espansione del santuario mariano frequentato ogni anno da milioni di persone. L'inviato di Papa Francesco: è il polmone spirituale d'Europa

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Il Vaticano è pronto a favorire l’espansione del culto di Medjugorje. Espandere significa favorire un tessuto di servizi e infrastrutture che possano agevolare i flussi di fedeli.

Più messe e alloggi

L’arcivescovo polacco Henryk Hoser, incaricato da Papa Francesco di sovrintendere il santuario di Medjugorje in Bosnia-Erzegovina, ha delineato all’agenzia cattolica polacca KAI, un vero e proprio piano di crescita. A cominciare da più messe al giorno in diverse lingue e strutture dove far alloggiare e sostare i giovani pellegrini, che si riversano sul luogo delle presunte apparizioni mariane.

«Medjugorje rappresenta i polmoni spirituali dell’Europa, un luogo in cui milioni di persone scoprono Dio e le bellezze della Chiesa», ha detto l’arcivescovo, «ora dobbiamo far crescere le infrastrutture, innanzitutto assicurando un più ampio spazio liturgico. Abbiamo anche bisogno di espandere le aree per i ritiri e fornire nuovi posti per celebrare l’Eucaristia, specialmente per i pellegrini», ha aggiunto.

Un centro mondiale della fede

A maggio Bergoglio aveva nominato monsignor Hoser – con un’esperienza pastorale alla guida della diocesi di Varsavia – visitatore apostolico a Medjugorje, dove, ricordiamo, nel 1981 sei giovani avevano assistito alle apparizioni della Madonna (solo per le prime sette ne è stato attestato dal Vaticano il carattere soprannaturale).

Da allora Hoser è intervenuto in più occasioni a rimarcare la profonda spiritualità che si respira nel paese bosniaco. Secondo il monsignore, Medjugorje può diventare un vero centro propulsore di fede. E questo “ruolo” lo ha ben evidenziato durante il suo intervento a Varsavia, tenuto all’inaugurazione di un centro giovanile cattolico. 

Sguardo sui “non velocisti”

Molte persone, ha sottolineato l’arcivescovo, vedono «solo il lato sociologico della Chiesa, che è anche il volto dei peccatori», e non riescono a comprendere la sua missione religiosa.

In realtà, «tutti abbiamo responsabilità per la Chiesa, siamo tutti chiamati ad essere apostoli, evangelizzatori e insegnanti, secondo i doni che abbiamo ottenuto da Dio». «A parte i giovani santi che sono i “velocisti”» della fede, ci sono anche «corridori di lunga distanza che si muovono lentamente, maturando per lunghi anni la propria spiritualità» e raggiungendo comunque «l’obiettivo di una grande santità».

Aumento di sacerdoti

E a quel pubblico che Hoser intende rivolgersi a Medjugorje. Da qui la speranza di accrescere il numero di sacerdoti che verranno a impartire sacramenti e lezioni di catechesi presso il santuario mariano, per far fronte, in modo più rapido ed efficace, alla marea di pellegrini che ogni giorni raggiunge Medjugorje a prescindere dalle condizioni climatiche (Catholic Herald, 23 settembre).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.