Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Gli scandalosi tempi di percorrenza dei treni per Lourdes

TRAIN LOURDES
P.RAZZO I CIRIC
11 Août 2013 : L'arrivée du "Train blanc" des malades se rendant à Lourdes pour le Pèlerinage national. Gare de Lourdes (75) France.

August 11th, 2013 : In the "White Train" with pilgrims and patients going to the French National Pilgrimage, led by the family of the Assumption, in Lourdes.
Condividi
È durissima la denuncia che monsignor Paolo Angelino, presidente di Oftal (Opera Federativa Trasporto Ammalati a Lourdes), affida alle pagine del «Corriere della Sera» del 21 settembre. Durissima e sacrosanta: la dignità dei malati che viaggiano in treno dall’Italia a Lourdes ormai da tempo viene sistematicamente violata. «Milano, Scalo San Cristoforo: dopo un’ora di snervante attesa finalmente la manovra perché il treno che porta a bordo malati gravi proveniente da Lourdes possa entrare in stazione. Una scena che si ripete ormai da diversi anni e che si assomma a tempi di viaggio intollerabili. Stiamo parlando dei treni che da tutta Italia raggiungono Lourdes da ormai cento e più anni e che da diverso tempo sono oggetto di un trattamento a dir poco disumano. Le responsabilità, è bene dirlo, sono equamente ripartite tra ferrovie italiane e francesi. I tempi di percorrenza tra Milano e Lourdes (giusto a titolo d’esempio) potrebbero essere di 15/16 ore (come è stato sino agli anni 2007/2008). Oggi ammontano a circa 25-26 ore. Stiamo parlando, ripeto, di treni che ospitano malati, spesso allettati, che escono per una volta sola all’anno dai loro istituti e ricoveri e che si trovano a dover affrontare un viaggio impossibile. Treni, si badi bene, che le Associazioni come la nostra pagano — giustamente — sino all’ultimo centesimo. Ma ormai questi treni hanno meno importanza dei carri merci. Spesso vengono fermati per ore e ore senza motivazione in sperdute stazioni francesi — l’ultimo treno è stato fermo tre ore ad Avignone —, quasi dimenticati e in alcuni casi è dovuta intervenire anche la Protezione Civile francese. Sono questi autentici scandali sulla pelle delle persone più deboli. E il treno, ancora oggi, è l’unico mezzo per portare a Lourdes certi malati. Gli aerei e i bus — seppure attrezzati — spesso non riescono ad accoglierli come dovrebbero. Negli anni — anche grazie alla buona volontà di alcuni parlamentari — sono state avanzate interrogazioni per cercare di risolvere questa annosa situazione. Nulla è stato ottenuto. Dalla Francia un autentico muro di gomma con motivazioni che spesso appaiono risibili, come ad esempio un continuo ammodernamento della rete. La verità è che questi viaggi della speranza vengono ormai platealmente boicottati e resi sempre più impossibili. Questo settore di viaggi viene considerato forse solo un peso e un costo. Colpisce la mancanza di sensibilità e comprensione delle persone che viaggiano su quei convogli: i più deboli, i più indifesi, gli ammalati. Persone che per tutto un anno anelano di fare quell’esperienza di fede e amicizia quale è un Pellegrinaggio a Lourdes. Nell’Europa dei diritti tutto questo suona come uno sfregio alla libera circolazione delle persone. Ci auguriamo che questo sia l’ultimo anno di disagi e angherie. Ci auguriamo che da parte delle autorità politiche italiane e francesi venga posta una soluzione: non si chiedono sconti o vantaggi. Solo di tornare a tempi di percorrenza degni di questo nome».

 

QUI L’ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.