Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quali sono i rischi che corre un prete esorcista?

EXORCISM
Shutterstock-itsmejust
Condividi

Aggressioni fisiche, violenza da parte dell'indemoniato? Il quasi centenario Padre Cavallo fa chiarezza su alcuni luoghi comuni

Ma questa tranquillità esteriore non è altro che «una furbizia del maligno, che vuole far credere (all’esorcista) che egli non ci sia. La esteriore tranquillità del paziente è però soltanto temporanea, perché il maligno, poco dopo l’esorcismo, scarica la sua rabbia sulla persona da lui vessata».

“Se ne stia tranquillo”

L’esorcista che confida unicamente negli interventi del Signore, «ed è convinto di essere soltanto un suo povero strumento, anzi un indegno strumento – sentenzia Padre Cavallo – se ne stia tranquillo. Non corre alcun rischio. È Dio la sua difesa. L’unico rischio sarebbe quello di insuperbirsi, attribuendo a sé un pochino di merito. Che follia!».

EGZORCYZM
Shutterstock

La preghiera del beato Russolillo

In ogni caso, consiglia l’esorcista ai suoi colleghi, «è sommamente raccomandabile» ripetere «ogni mattina» alcuni frasi contenute in una preghiera scritta dal beato Giustino Russolillo, fondatore della Congregazione dei Padri Vocazionisti:

“Signore, sia questo un giorno di liberazione da ogni diritto e da ogni influsso che il nemico possa esercitare su di me. Sia un giorno di redenzione e di espiazione di tutti i miei debiti di pena, in grazia della tua pietà e della mia penitenza. Sia un giorno di crescente unione amorosa con Te, così che divenga veramente il giorno del Signore, un giorno che abbia qualcosa dell’eternità e non sia indegno del cielo”.

Tranelli e trappole “non violente”

Padre Cavallo rincara la sua tesi: «Sono convinto che il Demonio non possa arrecare alcun danno fisico all’esorcista. Come fa con altre persone, può tendergli tranelli, trappole occasioni di peccato, se Dio glielo permette. Dio è Amore, e altro non vuole che il progresso spirituale del suo strumento (l’esorcista)».

@DR

Progredire nella lotta spirituale

«Tale progresso – conclude l’esorcista – che è crescita nella vita di grazia fino a raggiungere alte vette di santità, avviene soltanto con l’esercizio delle virtù cristiane (l’umiltà, la pazienza, lo spirito di sacrificio, la carità, il perdonare “settanta volte sette”, ecc.)».

Ebbene, chiosa Padre Cavallo, «Dio permette disturbi e tentazioni di vario genere da parte del Demonio allo scopo di indurre l’esorcista a lottare per progredire nella vita spirituale. Il soldato che non combatte non merita alcuna medaglia».

Pagine: 1 2

Tags:
esorcismo
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni