Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconChiesa
line break icon

I vescovi italiani puntano alla promozione dei Parchi Culturali Ecclesiali

CC / kasabubu / PIXABAY

IL CIPRESSO. LA FECONDITÀ E LA GENEROSITÀ DEL CREATORE «Metterò insieme nelle terre incolte i cipressi, gli olmi e i larici, perché tutti vedano e riconoscano, perché considerino e comprendano che la mano del Signore ha fatto questo, che il Santo di Israele ne è il creatore» (Is 41, 19). Il giardino dell'Eden era un luogo di abbondanza di cui l'uomo poteva servirsi per nutrirsi. Il peccato ha trasformato la natura: deserti aridi hanno ricoperto la terra e solo la potenza di Dio può renderla di nuovo fertile.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 21/09/18

Per far crescere il turismo si investe su reti di itinerari che coinvolgono beni ecclesiastici, storia e natura dei territori diocesani. Ecco i progetti già in corso

Vescovi in campo per lo sviluppo turistico nelle rispettive diocesi: nascono i Parchi Culturali Ecclesiali. Una importante “rivoluzionaria” iniziativa che rientra nel Progetto pastorale “Bellezza e Speranza per Tutti“, a cura della Conferenza Episcopale Italiana – Ufficio per la Pastorale del Tempo Libero, Turismo e Sport diretto da Don Gionatan De Marco.

L’ idea è suggerita ed elaborata da Giovanni Gazzaneo (coordinatore del mensile di Avvenire Luoghi dell’infinito), ed è volta a «sostenere, incoraggiare e valorizzare la capacità progettuale, organizzativa e operativa delle Diocesi italiane nei settori della cultura, della custodia del creato e del turismo sostenibile».

Il ruolo dei vescovi

Il parco, o rete culturale ecclesiale, è l’insieme di itinerari che richiamano la valorizzazione di beni ecclesiastiche, attrazioni storiche e naturalistiche all’interno di una o più diocesi. Un modo per attrarre visitatori e turisti e valorizzare il proprio territorio.

«Ciascun Vescovo – si legge nel documento – autonomamente o in collaborazione con altri Vescovi delle Diocesi limitrofe, dopo aver attentamente valutato l’esistenza di iniziative analoghe, può essere promotore di un Parco o Rete Culturale Ecclesiale, attraverso il quale agire per valorizzare i talenti, le identità e le esperienze locali, all’interno di una rete nazionale che fa leva sul valore della cultura, della creatività, dell’innovazione, della mobilità lenta e del turismo sostenibile».




Leggi anche:
La cura del Creato tra i doveri del credente?

“Fruibilità dei beni culturali nella forma del parco”

Monsignor Mario Lusek, già direttore dell’Ufficio nazionale della CEI per la Pastorale del tempo libero, turismo e sport, così scriveva nelle precedenti linee guida che presentavano per la prima volta il progetto del Parco Culturale Ecclesiale: da una «sintesi essenziale del confronto nei territori, del lavoro pastorale in atto nel mondo del turismo (..) nasce la proposta di organizzare, con un prevalente compito di annuncio e trasmissione della fede, la fruibilità e la valorizzazione dei beni culturali della Chiesa nella forma del parco».




Leggi anche:
Francesco istituisce la Giornata mondiale di preghiera per la cura del Creato

Valorizzare le attrazioni di ogni diocesi

Per Parco, precisa Lusek, «s’intende un’area legata non solo al territorio geografico, ma anche alla cultura, alle tradizioni, agli stili di vita, alle esperienze religiose come risposta alla necessità di tutela, di valorizzazione nella sua specifica peculiarità storica, culturale, ambientale, economica, spirituale. E per ParcoCulturale Ecclesiale, di conseguenza, s’intende un sistema territoriale che promuove, recupera e valorizza, attraverso una strategia coordinata e integrata il patrimonio liturgico, storico, artistico, architettonico, museale, ricettivo, ludico di una o più Chiese particolari».




Leggi anche:
Le 8 regole del Vaticano per un turismo “doc”

SANTUARIO, LORETO, COLLE
Federico | Flickr

Le più attive

Per ora le diocesi più attive, che hanno già progetti in progress di parchi, sono quelle di Senigallia nelle Marche, Sulmona in Abruzzo, Manfredonia, Leuca in Puglia. In Sicilia, ad esempio, si sta puntando a creare una rete di grande interesse naturalistico che coinvolge Etna e gole dell’Alcantara. E ancora, si punta alla valorizzazione dei Castelli Romani e all’arte nel Mediterraneo a Napoli. Insomma, diverse diocesi sono già un vero e proprio cantiere di progetti e idee.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
creatodiocesiparco
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni