Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Dalla NASA al convento

LIBBY OSGOOD
Condividi

Abbandona una carriera di successo come ingegnere spaziale per diventare suora

“Cambiare, dire agli altri che portavo sempre una croce… Il fatto che andassi sempre a Messa non è mai stato un segreto, ma ammettere che la Chiesa e Dio sono un aspetto molto importante della mia vita era una cosa che non avevo mai fatto”, ha riferito a CBC News.

Nel 2012 Libby ha iniziato a pensare alla chiamata alla vita religiosa. Una delle esperienze che hanno segnato la sua fede e l’hanno aiutata a prendere una decisione in relazione alla sua vocazione è stata la visita a Charlottetown del gesuita Guy Consolmagno, dottore in Scienze Terrestri e Planetarie, astronomo e attuale direttore dell’Osservatorio vaticano.

Leggi anche: Fratel Consolmagno: “Scienziati e credenti? Sono più di quanti si creda”

Ascoltandolo, Libby è riuscita ad aprire la mente all’idea che “la scienza e la religione possono coesistere”. Ha ammesso comunque che aveva dei dubbi sul fatto di diventare religiosa: “Amavo troppo l’ingegneria, ma poi ho capito che potevo essere ingegnere e religiosa allo stesso tempo”.

“Posso fare entrambe le cose e vivere in modo più pieno”, ha detto a CTV News.

La Osgood ha commentato che quando ha annunciato la sua decisione di diventare religiosa altri scienziati credenti le hanno inviato dei messaggi di sostegno.

La giovane canadese ha seguito per due anni il noviziato nella casa della Congregazione di Notre Dame a New York, e dopo aver professato i suoi voti pensa di tornare a Charlottetown per svolgere la sua missione pastorale come religiosa e continuare a insegnare all’UPEI.

Anche se ci può essere un cambiamento radicale nell’insegnamento delle scienze quando si vive in un convento, ritiene che lo studio scientifico e spirituale siano complementari, e che siano entrambi espressioni dell’amore di Dio.

“Il motivo per il quale ci interessiamo alla scienza è perché abbiamo visto le stelle e ci siamo chiesti cose fossero”, ha indicato, aggiungendo che unendo religione e scienza “si riesce ad avere un’immagine migliore”.

“Mi sento completamente realizzata”, ha concluso Libby. “Sento che prima vari pezzi del puzzle erano sparsi qua e là e invece ora si incastrano tutti perfettamente. Con la prospettiva della scienza e della religione sto approfondendo le mie due passioni, e sto constatando come le abbiano unite anche altre persone”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni