Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconNews
line break icon

La Chiesa è favorevole all’utilizzo dell’energia nucleare? La risposta è “si”

© Flickr/Nahuel Martinez/Creative Commons

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 19/09/18

Il Vaticano invita a riflettere sui benefici del cosiddetto nucleare "civile" o "pacifico". Ma bandisce nettamente le armi

La Santa Sede sostiene le iniziative dell’Aiea (Agenzia internazionale per l’energia atomica) nella «prevenzione della proliferazione nucleare» e nella «promozione del disarmo nucleare», nel cercare di salvaguardare la salute delle persone, l’ambiente e sollevare i popoli dalla povertà.

È quanto ha detto monsignor Paul Richard Gallagher, segretario vaticano per i Rapporti con gli Stati, durante la 62ma Conferenza internazionale dell’Aieia, in svolgimento nella capitale austriaca.

L’ombra delle radiazioni

Il Vaticano, come molti Paesi nel mondo, vuole «il bando totale dei test nucleari». Questi, ha detto Gallagher, «comportano il sostanziale e incontrollato rilascio di materiali radioattivi direttamente nell’ambiente. Hanno generato la dose cumulativa più grande di radiazioni prodotte dall’uomo finora rilasciate sulle popolazioni e l’ambiente globale».

«Per questo – ha precisato – sosteniamo che le armi nucleari sono armi di distruzione di massa e ambientale» (Asianews, 17 settembre).




Leggi anche:
Papa Francesco teme un olocausto nucleare?

Gallagher ha ricalcato il messaggio fuoriuscito dal summit nell’Aula Paolo VI in Vaticano sulle “Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari e per un disarmo integrale”, organizzato nei mesi scorsi dal Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale, al quale hanno partecipato diversi Premi Nobel e leader mondiali (Avvenire, 10 novembre 2017).

© Galerie Bilderwelt/Getty
(PHoto by Galerie Bilderwelt/Getty Images)

Contro l’uso delle armi

La posizione della Chiesa sul nucleare emerge inoltre con chiarezza nel volume “Energia, Giustizia e Pace” (Libreria Editrice Vaticana) pubblicato nel 2015 dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace.

La premessa non ammette repliche: la ripetuta condanna da parte della Santa Sede dello sviluppo di armi nucleari, della loro proliferazione, del loro uso e delle possibili conseguenze di tale uso è ben nota e non è oggetto di discussione, né di possibili false interpretazioni. La Chiesa, si legge, sostiene il disarmo nucleare e il completo dirottamento del materiale e del finanziamento militare dagli scopi militari alle attività pacifiche.

“Si” al nucleare civile

Detto questo, la Santa Sede valuta con attenzione la questione del cosiddetto nucleare “civile” o “pacifico”. E’ necessario approcciarsi ad esso senza pregiudizi o schemi ideologici, tenendo sempre come punto di riferimento alle discussioni la persona umana e il suo sviluppo integrale.  Altro aspetto centrale del “nucleare civile” è quello della sicurezza, che va continuamente ricercata e migliorata a vari livelli (adozioni ovunque di norme di sicurezza stringenti e formazioni del personale tecnico, verifiche agli impianti).




Leggi anche:
Nucleare, Santa Sede: il dialogo multilaterale rafforza la sicurezza

La sicurezza dei reattori

A fronte di tale esigenza di valutazione e di sicurezza, assume anche rilievo la questione della ricerca che potrebbe portare ad ulteriori sviluppi positivi per il nucleare “civile”, come ad esempio, l’evoluzione verso reattori più sicuri ed efficaci.

© JAPAN POOL / JIJI PRESS / AFP

Distinguere tecnologia da energia

Parlando di nucleare “civile”, è bene tenere a mente, ogni qual volta sia possibile e pertinente, le differenze tra tecnologia nucleare ed energia nucleare.

  • 1
  • 2
Tags:
scienza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
7
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni