Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La Chiesa è favorevole all’utilizzo dell’energia nucleare? La risposta è “si”

© Flickr/Nahuel Martinez/Creative Commons
Condividi

Il Vaticano invita a riflettere sui benefici del cosiddetto nucleare "civile" o "pacifico". Ma bandisce nettamente le armi

La Santa Sede sostiene le iniziative dell’Aiea (Agenzia internazionale per l’energia atomica) nella «prevenzione della proliferazione nucleare» e nella «promozione del disarmo nucleare», nel cercare di salvaguardare la salute delle persone, l’ambiente e sollevare i popoli dalla povertà.

È quanto ha detto monsignor Paul Richard Gallagher, segretario vaticano per i Rapporti con gli Stati, durante la 62ma Conferenza internazionale dell’Aieia, in svolgimento nella capitale austriaca.

L’ombra delle radiazioni

Il Vaticano, come molti Paesi nel mondo, vuole «il bando totale dei test nucleari». Questi, ha detto Gallagher, «comportano il sostanziale e incontrollato rilascio di materiali radioattivi direttamente nell’ambiente. Hanno generato la dose cumulativa più grande di radiazioni prodotte dall’uomo finora rilasciate sulle popolazioni e l’ambiente globale».

«Per questo – ha precisato – sosteniamo che le armi nucleari sono armi di distruzione di massa e ambientale» (Asianews, 17 settembre).

Gallagher ha ricalcato il messaggio fuoriuscito dal summit nell’Aula Paolo VI in Vaticano sulle “Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari e per un disarmo integrale”, organizzato nei mesi scorsi dal Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale, al quale hanno partecipato diversi Premi Nobel e leader mondiali (Avvenire, 10 novembre 2017).

© Galerie Bilderwelt/Getty
(PHoto by Galerie Bilderwelt/Getty Images)

Contro l’uso delle armi

La posizione della Chiesa sul nucleare emerge inoltre con chiarezza nel volume “Energia, Giustizia e Pace” (Libreria Editrice Vaticana) pubblicato nel 2015 dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace.

La premessa non ammette repliche: la ripetuta condanna da parte della Santa Sede dello sviluppo di armi nucleari, della loro proliferazione, del loro uso e delle possibili conseguenze di tale uso è ben nota e non è oggetto di discussione, né di possibili false interpretazioni. La Chiesa, si legge, sostiene il disarmo nucleare e il completo dirottamento del materiale e del finanziamento militare dagli scopi militari alle attività pacifiche.

“Si” al nucleare civile

Detto questo, la Santa Sede valuta con attenzione la questione del cosiddetto nucleare “civile” o “pacifico”. E’ necessario approcciarsi ad esso senza pregiudizi o schemi ideologici, tenendo sempre come punto di riferimento alle discussioni la persona umana e il suo sviluppo integrale.  Altro aspetto centrale del “nucleare civile” è quello della sicurezza, che va continuamente ricercata e migliorata a vari livelli (adozioni ovunque di norme di sicurezza stringenti e formazioni del personale tecnico, verifiche agli impianti).

La sicurezza dei reattori

A fronte di tale esigenza di valutazione e di sicurezza, assume anche rilievo la questione della ricerca che potrebbe portare ad ulteriori sviluppi positivi per il nucleare “civile”, come ad esempio, l’evoluzione verso reattori più sicuri ed efficaci.

© JAPAN POOL / JIJI PRESS / AFP

Distinguere tecnologia da energia

Parlando di nucleare “civile”, è bene tenere a mente, ogni qual volta sia possibile e pertinente, le differenze tra tecnologia nucleare ed energia nucleare.

Pagine: 1 2

Tags:
scienza
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.