Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come individuare le carenze affettive nei bambini

Shutterstock / Eakachai Leesin
Condividi

Aspetti che potrebbero indicare che un bambino ha problemi affettivi

Le carenze affettive interessano le persone di ogni età, cultura e classe sociale, e si manifestano in modo diversi in base alla loro situazione.

Dalla nascita all’adolescenza, ecco alcuni aspetti che potrebbero denotare carenze affettive in base alle varie tappe della crescita.

Durante la prima infanzia

I bambini che piangono per richiamare l’attenzione, che sorridono poco e che contraggono spesso malattie infettive.

Molti hanno anche problemi digestivi come la stitichezza, che possono anche perdurare con la crescita.

In età prescolare e scolare

I disturbi del linguaggio di un bambino possono indicare che soffre di carenze affettive. Disturbi come problemi di locuzione, povertà di vocabolario o difficoltà grammaticali e sintattiche.

In età scolare

Alcuni bambini presentano disturbi dell’apprendimento pur essendo intelligenti, ma viene dato loro un coefficiente intellettivo tra il 65 e il 95 perché non riescono a svolgere correttamente le prove per problemi di concentrazione. Per questo, molti di questi bambini sperimentano spesso fallimenti scolastici e hanno un basso indice di autostima.

Sono bambini che si sminuiscono, che negano il proprio valore. Si considerano dei falliti.

Dubitano di se stessi quanto alla simpatia che possono suscitare negli altri. Pensano: “Nessuno mi vuole bene”, “Non sono amabile” o “Quello che mi succede non importa a nessuno”. Per questo sono molto insicuri, si sentono esclusi e non trovano il loro posto. Credono anche di dare fastidio.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni