Aleteia
giovedì 22 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
For Her

In carcere ho trovato un padre, anzi il Padre

UOMO, PRIGIONE, SCURO

Benjamin Ranger | Unsplash

Fraternità San Carlo Borromeo - pubblicato il 17/09/18

“Non mi riconosci, probabilmente mi hai rinnegato, ma io sono qui dentro queste mura - dice Dio - E sono qui per te, ti guardo, ti amo"

di David Crespo (viceparroco di Maria Inmaculada, a Città del Messico)

Sono una persona privata della libertà e vivo in un carcere di Città del Messico

mi scrive E.

Quando spunta il sole all’orizzonte e i suoi raggi cominciano ad illuminare la terra, ciò che una volta era buio, quello che era scuro e inquietante riceve la luce, i campi freddi e vuoti si trasformano in paesaggi caldi. Questo è il potere di Dio. Quando Dio splende nelle nostre vite, tutto ciò che una volta sentivamo come negativo può essere visto come un’occasione di crescita. Dove regnava la confusione, prende posto la comprensione, il nostro dubbio si dissolve e diventa certezza. Il nostro odio si trasforma in amore.

CAMPO, ALBA, LUCE
Xavier Coiffic | Unsplash

È una descrizione meravigliosa di che cosa significa vivere in un carcere, quando riconosciamo la presenza di Dio. Di solito, pensiamo al carcere come a un luogo dove si fa un’esperienza anticipata della morte. Per molti dei detenuti, infatti, la vita, che un tempo era considerata bella, si trasforma in un continuo stato di paura. E possiamo capire che, quando uno ha paura di vivere, tutto comincia a corrompersi. La paura ci rende disumani.


SISTER ANNE LECU

Leggi anche:
Suor Anne Lécu: è nella lacrime delle donne carcerate che ha capito cos’è la Salvezza

La grande questione è: siamo ciò che facciamo, e quindi ci identifichiamo pienamente con il nostro male? Oppure la nostra dignità si radica in qualcosa di più profondo, che neanche le nostre azioni (soprattutto quelle sbagliate) possono cancellare?

Non vi è alcun dubbio che ciascuno viva il carcere come vuole viverlo, e io in questi anni ho infranto molti pregiudizi (…). Ho perso molte cose, però ne ho anche guadagnate. In carcere non tutto è male: mi sono avvicinato a Dio e ho imparato a volere bene agli altri. Nella condanna, il problema non sono gli anni che ti danno per il tuo reato bensì le opportunità che perdi.

Attraverso queste parole, paradossalmente, capisco che il carcere può essere la strada per ritornare a casa, cioè può rappresentare il lungo cammino che conduce alle vere radici di se stessi, il luogo dove si scopre il significato della vita.

MANI, GABBIA, PREGHIERA
Shutterstock

Qui ci sono persone che vogliono essere uomini migliori e non è impossibile, anche in questo luogo di tanta oscurità, che uno possa essere una piccola fiamma capace d’illuminare molti altri.

A dispetto del male commesso, possiamo scoprire, come ha fatto l’autore di questa lettera, che il metodo di Dio è questo farsi pellegrino alla ricerca dell’uomo caduto per renderlo nuovo.

Ho imparato ad aiutare gli altri. Ho un gruppo di persone vulnerabili che aiuto: do loro una mano ad ottenere qualche medicina, a pulire le celle. Mando a lavare i loro vestiti, qualche volta cucino qualcosa di speciale, li porto a passeggiare, li intrattengo con una lettura.


Czesława Kwoka

Leggi anche:
Czeslawa Kwoka morta ad Auschwitz a 15 anni: istantanee dell’orrore (VIDEO)

La paura non può trattenere l’iniziativa di Dio verso l’uomo decaduto. È come se Dio, attraverso il gesto più piccolo e insignificante, volesse dire: “Non mi riconosci, probabilmente mi hai rinnegato, ma io sono qui dentro queste mura. E sono qui per te, ti guardo, ti amo. Questo carcere che tu disprezzi, te lo sto donando per guarire le ferite e far germogliare la tua nuova umanità”.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
fedemissioneprigione
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha ...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni