Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 24 Gennaio |
Santa Marianne (Barbara) Cope di Molokai
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Igor muore a 14 anni, forse lo spettro del blackout: sfida in rete di soffocamento

IGOR MAJ

Facebook I I Ragni di Lecco

Annalisa Teggi - pubblicato il 14/09/18

Ma al netto anche di casi in cui gli adulti non educano/controllano/sorvegliano i figli, il pericolo che attualmente corrono i giovani è ben sopra la soglia di immaginazione del più premuroso dei genitori.


CIELO, UOMO, STELLE

Leggi anche:
Che ne è della nostra coscienza se perdiamo il cielo stellato?

Il padre di Igor, Ramon Maj, sta battendosi per diffondere questo allarme: il dark web, cioè le zone oscure della rete, sono un’infiltrazione capillare e invisibile, perciò occorre cambiare completamente occhi e coscienza del vero problema. Dalla sua pagina Facebook, Ramon ha condiviso una riflessione dell’amico Fabio Palma (che merita di essere letta, riletta, studiata per intero!) e di cui riporto due passaggi significativi:

Che il mondo adulto sia scollegato dal mondo giovanile, questo è sempre avvenuto credo dalla scoperta del fuoco in poi. Ma quando tutto ruotava intorno al focolare, e poi intorno ad una casa, e poi in un quartiere, e al massimo in un raggio di pieno di carburante di un motorino (quando io ero ragazzo), una famiglia previdente e attenta poteva assolutamente sgamarti se stavi facendo qualcosa di sbagliato. O di eventualmente sbagliato. Non c’erano scuse, se tornavi alle 3 del mattino con gli occhi pesti, veniva fuori il perché. Se eri ciondolante un pomeriggio o la mattina, e la famiglia ci teneva a te, i motivi saltavano fuori.   Il 96% del contenuto web del mondo NON E’ ACCESSIBILE DA GOOGLE. Credo che io e mia moglie avessimo messo in guardia mio figlio di almeno 50 pericoli della vita quando lui aveva appena 8 anni, ma erano pericoli VECCHI e ANTICHI. Acqua fresca…E mio figlio è del ’99, NON è nato digitale. Non aveva il telefonino a 8 anni…oggi ce l’hanno a sei…con uno smart phone, oggi hai il MONDO a casa tua. E il 96% del mondo è DARK. Questo mi ha detto Igor, che Dio lo accarezzi per tutta la vita, piccolo magnifico angelo che non potevi che tifare, alle gare, per quanto fosse bravo, bello, simpatico e forte.

Alla luce di ciò, l’asticella della sfida si alza, perché stiamo parlando di qualcosa di ancora più infido dello spacciatore di quartiere che poteva blandire il ragazzo non appena un genitore distoglieva lo sguardo. Il retropensiero di un genitore poteva mettere in conto l’esistenza di uno spacciatore. Ora, invece, stiamo parlando di una sostanza micidiale eppure intoccabile perché così invisibile da non lasciarci il sospetto che esista. Fatta da umani però oltre e sotto l’umano. Non credo che ci siano ancora “armature” adeguate a ridurre la portata di una tale macchina di plagio e morte.

OMBRA; SHADOW; MANI
Shutterstock

Ciò non toglie che la luce certamente sconfigge le tenebre, e non è una bella frase a effetto. Come madre mi sento senz’altro disarmata, impaurita, inadeguata; ma so che – intanto – posso lavorare più sodo nel campo della luce. Moltiplicare lo splendore prensile della realtà; farlo insieme ai miei figli; moltiplicare le scalate. No, io non ho il fiato per arrampicarmi come Igor.




Leggi anche:
Non smettiamo di insegnare le preghiere e di raccontare storie ai bambini

Posso tradurre la fatica dell’aggrapparsi e del salire insieme in mille altre piccole esperienze. E poi mi fido ciecamente della verità che Tolkien ha messo dietro le quinte del suo Signore degli Anelli: Frodo può sconfiggere Mordor. Più volte nella storia del mondo una piccola presenza ha mandato all’aria i piani di orde sconfinate di male.

  • 1
  • 2
Tags:
giovanimondo virtualemorte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni