Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 22 Settembre |
San Maurizio
home iconStile di vita
line break icon

A me manca una gamba e non ho le braccia, ma credo che siamo uguali. Tu che ne dici?

© WELS net / CC

https://www.flickr.com/photos/welsnet/3404725406

Catholic Link - pubblicato il 12/09/18

di Emilio Ibañez

Pro Infirmis è una ONG che opera in Svizzera e lavora per l’integrazione dei disabili in ambito sociale e lavorativo. “Sostiene le persone disabili e le loro famiglie nell’organizzazione e nella partecipazione responsabile in aree di loro interesse come la vita, il lavoro o il tempo libero”.

In queste ultime settimane la ONG ha fatto notizia sui mezzi di comunicazione grazie al lancio di una nuova campagna pubblicitaria intitolata: “Riconosci te stesso? Siamo tutti uguali”. Lo spot è stato realizzato dall’agenzia Thjnk Zuricj in collaborazione con il regista statunitense Jon Barber e la compagnia di produzione Stories AG.

Il messaggio della campagna è che siamo tutti uguali, abbiamo o meno qualche disabilità. Nello spot pubblicitario viene mostrato in chiave umoristica come malgrado le loro differenze le persone disabili siano davvero come tutte le altre – si possono infastidire per le stesse cose, e di fronte a una situazione difficile o scomoda, ad esempio arrabbiarsi di fronte a cosa che non funzionano, perdere i calzini nella lavatrice, buste di patatine fritte che si aprono male, tagli della corrente, appuntamenti disastrosi o qualcuno che porta il loro stesso vestito a una festa, reagiscono allo stesso modo della maggior parte di noi.

Non è la prima campagna con cui la ONG svizzera ottiene un forte impatto sociale. Nel 2013, nella Giornata Internazionale delle Persone Disabili ha presentato la sua campagna intitolata “Chi è perfetto? Avvicinati”, che ha provocato un buon numero di sguardi stupiti tra i passanti della centrale Bahnhofstrasse di Zurigo, visto che nella vetrina di un grande magazzino erano stati collocati manichini di persone disabili tra quelli abituali. Ai manichini in questione mancava ad esempio un’estremità per qualche malattia delle ossa, e tuttavia indossavano abiti alla moda come gli altri. Rappresentavano in scala reale personaggi conosciuti nel Paese, persone con limitazioni fisiche.

Vorrei proporre alcune riflessioni dopo aver visto il video.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
disabilitàOngpubblicita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni