Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 30 Novembre |
San Francesco Antonio Fasani
home iconNews
line break icon

India: suore in piazza contro il vescovo che avrebbe abusato di una loro consorella

INDIA NUNS

Jipson Sikhera I The Times of India

Suor Lucy e alcune consorelle in protesta per i presunti abusi del vescovo Mulakkal. The Times of India/Jipson Sikhera

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 12/09/18

Monsignor Mulakkal si difende ed evoca il complotto. Una brutta storia che viene dal Kerala. E intanto la Commissione nazionale che tutela le donne chiede di abolire il sacramento della confessione

Una bruttissima storia di abusi, ricatti, vendette, coperture arriva dal Kerala, lo Stato indiano che conta oltre un milione di cattolici, il più numeroso di tutta l’India.

Una storia che è arrivata fino in Vaticano perché in questi giorni si è registrata persino una protesta di piazza di un gruppo di suore contro un vescovo che avrebbe abusato sessualmente di una loro, coperto dal suo cardinale. Lui si difende dicendo che è tutto falso.

La denuncia della suora

La vicenda, racconta Asia News (12 settembre) è esplosa a inizio luglio, quando la religiosa – di cui non si conosce il nome per motivi di privacy ma si sa che ha 44 anni – ha denunciato gli abusi subiti da monsignor Franco Mulakkal in un ostello di proprietà della Chiesa a Kuravilangad.

[googlemaps https://www.google.com/maps/embed?pb=!1m18!1m12!1m3!1d31456.78339944676!2d76.54544931962678!3d9.757772503111477!2m3!1f0!2f0!3f0!3m2!1i1024!2i768!4f13.1!3m3!1m2!1s0x3b07d13a99ecd635%3A0xa5cf75323539931a!2sKuravilangad%2C+Kerala%2C+India!5e0!3m2!1sit!2sit!4v1536758956795&w=600&h=450%5D

La risposta del vescovo

Il vescovo incriminato ha sempre sostenuto che la denuncia della suora – arrivata dopo diversi anni dalle presunte violenze che ci sarebbero state tra il 2014 e il 2016 – è motivata da vendetta personale, dopo egli che aveva deciso di destituirla dal ruolo di superiora della congregazione.

Mulakkal (NELLA FOTO QUI SOTTO) ha sempre respinto le accuse come false e in un’intervista al Times of India (12 settembre) ha ribadito: «Sono io la vittima. L’accusa di stupro ha rovinato la mia reputazione».

Youtube

A sua volta, la religiosa ha detto di ricevere minacce di morte e accusato il cardinale George Alencherry, capo della Chiesa siro-malabarese (uno dei tre riti della Chiesa cattolica indiana, in cui rientra anche l’eparchia di Kottayam dove è registrata la denuncia) di aver coperto gli abusi.




Leggi anche:
Voci e pensieri delle suore che hanno subito abusi sessuali

Sospetti e persecuzioni

Nello stesso periodo, Mulakkal ha denunciato di aver ricevuto messaggi persecutori dal fratello della vittima. Inoltre in contemporanea alle accuse della suora, il cardinale era coinvolto in un altro scandalo per la svendita di terreni di proprietà della Chiesa. Per questo in molti hanno sollevato sospetti di accuse costruite ad arte per screditare i vertici ecclesiastici, dato che sia il monsignore che l’abusata appartengono al rito latino.

Il secondo caso

C’è anche un secondo caso che scuote la chiesa del Kerala. E riguarda quattro sacerdoti della Chiesa siro-malankarese che avrebbero molestato e ricattato una loro parrocchiana. Su questo caso l’inchiesta è in corso e due sacerdoti sono liberi su cauzione.




Leggi anche:
“The Innocents”, il calvario delle suore polacche violentate dai soldati russi

“Stop” alla confessione

Le conseguenze di queste vicende poco edificanti sono in un provvedimento molto discutibile che vuole avviare la “Commissione nazionale per le donne“.

Questo ente a tutela delle donne raccomanda al governo indiano l’abolizione del sacramento della confessione in tutto il Paese. In questo modo, sostengono i funzionari di Delhi, si eviterebbero i casi di molestie e ricatti del clero cattolico nei confronti delle donne.

L’11 settembre, con un messaggio diffuso a tutti i media, il cardinale Oswald Gracias, presidente della Conferenza episcopale indiana (Cbci), ha risposto con fermezza: «Sono rimasto scioccato quando ho letto la notizia. Questa richiesta tradisce una totale mancanza di comprensione da parte della Commissione sulla natura, significato, sacralità e importanza di questo sacramento per il nostro popolo; allo stesso tempo ignora le rigide leggi della Chiesa in tema di prevenzione degli abusi».


PRIEST,CONFESSIONAL SCREEN

Leggi anche:
La confessione (e il suo segreto) sotto attacco

Tags:
abusiindiasuora
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Philip Kosloski
A cosa somiglia davvero il Paradiso secondo s...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni