Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’ultima tendenza sulle reti sociali: cos’è il “body shaming”?

Condividi

Il fenomeno non riguarda solo le persone famose

Body shaming è un’espressione che potrebbe essere tradotta come “vergogna del proprio corpo”. Si tratta di una condotta che consiste nel criticare i difetti fisici delle persone con commenti che possono ferire chi li riceve.

Questa tendenza è nata tempo fa nel mondo delle celebrità, delle attrici e atlete famose, che attraverso le loro reti sociali venivano giudicate dai loro followers quando prendevano peso o venivano fotografate con inquadrature poco favorevoli, sottolineando quello che molta gente considerava un “difetto”. Sorgevano così gli attacchi verbali come “grassa”, “balena”, “pozzo di cellulite”, tra i tanti altri commenti poco rispettosi.

Una delle tante conseguenze del body shaming è il desiderio di voler cambiare certe parti del corpo che non ci piacciono o ci rendono insicuri dopo aver ascoltato le opinioni altrui.

E voi, accettate il vostro corpo o insistete per cambiarlo?

La pubblicità, le tendenze e la moda esercitano la propria influenza e ci vendono l’idea che il nostro obiettivo debba essere quello di perseguire il corpo perfetto e di valorizzare il nostro fisico, non il modo di essere o il comportamento.

Sappiamo, però, che il nostro bene più grande è dentro di noi. Se ne siamo certi saremo meno vulnerabili a qualsiasi critica e alla percezione che abbiamo di noi stessi.

Il fatto è che qualsiasi persona può subire body shaming da parte dei propri amici sulle reti sociali, essendo obiettivo di critiche, aggressioni e scherzi di cattivo gusto. Le donne sovrappeso o con una massa muscolare maggiore, così come chi infrange le regole della bellezza (essere magra e in forma), sono le vittime principali di questo fenomeno irrispettoso.

Avere un corpo perfetto è un’utopia. Se ci concentriamo su questa aspettativa irreale, la cosa più probabile è vivere una frustrazione costante e finire per avere seri problemi emotivi.

Dall’altro lato, se accettiamo che tutte le persone hanno virtù e difetti – a livello sia fisico che psicologico –, riusciremo a stare in pace con noi stessi. L’accettazione di qualsiasi condizione fisica ci fa bene, e in questo modo riusciremo a offrire una versione positiva – e reale – di noi stessi a chi ci circonda.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.