Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

“The Nun”, un film dell’orrore con un sorprendente messaggio pro-cattolico

NUN
Condividi

Lo riconosce anche il film: solo la Chiesa riesce a interporsi tra il mondo e le forze soprannaturali che vogliono distruggerlo

I fans cattolici della serie di film The Conjuring e dei suoi spin-off hanno un motivo per gioire per via della produzione più recente legata agli “archivi Warren”: gli insegnamenti cattolici sono notevolmente presenti nella trama di The Nun, anche se i fans dei film dell’orrore in generale, cattolici o meno, possono pensare che questa pellicola non sia abbastanza paurosa.

Come gli spettatori probabilmente ricordano, la suora del titolo è una delle forme nelle quali il demonio Valak è apparso in The Conjuring 2, per sfidare la fede delle versioni fortemente romanzate di Ed e Lorraine Warren. The Nun ci riporta al 1952 per mostrare perché Valak ha assunto sembianze simili. Essendo un demonio, voleva turbare i fedeli e burlarsi della loro fede.

Il film inizia in un castello della Romania trasformato in convento. Una giovane religiosa ha deciso di porre fine alla sua vita nel tentativo di impedire che il demonio, confinato nelle sue prigioni, entri nel suo corpo e fugga da lì nel mondo. Cercando di assicurarsi che il monastero non sia stato profanato da questo atto e di evitare che vengano rivelati segreti straordinari, il Vaticano invia padre Burke (Demian Bichir) per valutare la situazione. Il buon sacerdote è accompagnato dalla novizia Irene (Taissa Farmiga), un’aspirante alla vita conventuale che potrebbe essere utile alla sua missione per la sua propensione ad avere visioni soprannaturali. Durante il viaggio, la coppia può contare su un “rinforzo”: Frenchie (Jonas Bloquet), l’unica persona del villaggio che ha il coraggio di arrivare vicino al monastero – e anche così, per il minor tempo possibile.

Ciò che accade dopo l’arrivo del trio alle porte del monastero è tipico dei film dell’orrore: figure che si intravedono dietro gli angoli, qualche scena che fa sobbalzare qua e là e ovviamente l’apparizione occasionale del personaggio che dà il titolo al film, un’aggiunta efficace al ruolo dei mostri spaventosi. Questi spaventi saltuari non riescono però a creare un vero insieme, e quindi alla fine dei conti il film non va al di là di semplici frammenti di vero terrore.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni