Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Teresa d’Avila, la santa che dovette difendere la Chiesa dagli attacchi interni

ST TERESA OF AVILA
Condividi

Il diavolo sa come approfittare di ogni situazione per sussurrare le sue menzogne...

In molti periodi della storia della Chiesa c’è stato un grande bisogno di rinnovamento. Uno dei momenti più critici è stato quello della Riforma del XVI secolo. Interi Paesi stavano abbandonando il cattolicesimo. Milioni di anime si ritrovarono strappate dalla propria fede da sollevazioni politiche e religiose. In Spagna, tuttavia, la situazione era stabile. Lì, molto prima che Martin Lutero apparisse sulla scena, i monarchi cattolici Ferdinando e Isabella avevano purificato profondamente la Chiesa. La Penisola iberica era quindi ampiamente immune alle incursioni del protestantesimo.

La sicurezza, tuttavia, porta spesso a un rilassamento. Quando la gente ha una situazione religiosa generalmente stabile, con scarse possibilità di persecuzioni esterne, la fede può diventare “comoda”. È una tentazione che si presenta in ogni epoca. La Spagna era potente, ricca e solidamente cattolica. I fedeli potevano adagiarsi – e spesso lo facevano –, permettendo alla propria osservanza religiosa di declinare di conseguenza.

Accadeva perfino nelle comunità che si dedicavano a seguire la chiamata evangelica alla perfezione. In monasteri e conventi, la vita andava avanti come nel Medioevo. Gli ordini religiosi, se non attivamente corrotti, erano ricchi. Avevano estese proprietà e molti beni. In altre parole, le “stanze dei bottoni” della santità cristiana avevano abbracciato quella mediocrità che il Vangelo indica come il nemico della santità.

Uno di questi cristiani era una ragazza di nome Teresa. Era carina, vanitosa, testarda e vivace conversatrice. Aveva deciso di entrare nel convento carmelitano dell’Incarnazione, dove poteva condurre una vita religiosa confortevole tra monache aristocratiche e godeva di frequenti visite in parlatorio per scambiare pettegolezzi. La clausura delle monache non era applicata, e la regola religiosa veniva più violata che osservata.

Teresa visse vent’anni in questo modo, consolandosi con il fatto che – come cattolica che viveva in Spagna e religiosa consacrata – stava facendo abbastanza. Essendo tuttavia una persona brillante, sapeva che mancava qualcosa. Lo scoprì un giorno mentre stava guuardando un quadro dell’Ecce Homo, un tipo di dipinto che rappresentava vividamente il volto del Cristo sofferente. Seguire un Uomo simile non significava scegliere una vita mediocre. Decise di cambiare completamente direzione, dedicandosi non solo ad essere una brava persona, ma a perseguire la santità.

Volle quindi intraprendere una riforma radicale del ramo femminile dei Carmelitani. In seguito venne aggiunto un ramo maschile sotto il patrocinio del suo amico San Giovanni della Croce. Insieme fondarono i Carmelitani Scalzi (a indicare il loro ritorno all’austerità dell’abito rappresentato da sandali semplici). Incontrarono una resistenza eccezionale, a volte soprattutto da parte di altri religiosi. I riformatori furono emarginati e perseguitati, e Giovanni venne perfino imprigionato per nove mesi dalla sua stessa comunità religiosa.

Grazie alla sua testardaggine, però, l’ordine di Teresa crebbe, attirando molte vocazioni, perché – come in qualsiasi periodo della storia della Chiesa – i giovani cristiani erano attratti dall’ortodossia e dall’eroismo, e non da corruzione e deviazioni. Quando si cerca una vocazione, si vuole mettere il proprio cuore e la propria anima alla ricerca della perfezione, come chiede Cristo (Mt 5, 48), che non ha detto “Siate ordinari come lo è il mio Padre celeste”, ma “Siate perfetti, come è perfetto il Padre vostro celeste”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.