Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 02 Marzo |
Sant'Agnese di Boemia
home iconSpiritualità
line break icon

Un simpatico aneddoto del Cardinal Biffi: la “teologia audace” della Sandra

CPP/CIRIC

Lucandrea Massaro - pubblicato il 11/09/18

Lo raccontò dopo aver predicato gli esercizi spirituali in Vaticano nella Quaresima del 2007

«El Signùr el g’avrà el sù difett, però quella roba chi l’ha fatta giusta, che moren tuc ricchi e poveri, grandi e piccoli» così con queste parole in milanese raccontate ai fedeli raccolti ad ascoltare un ciclo di catechesi, rammentava quelle di una signora milanese, affettuosamente conosciuta semplicemente come “La Sandra“, che ha stimolato una riflessione del Cardinale Giacomo Biffi, aneddoto che egli stesso aveva riportato ad un divertito Benedetto XVI, e come potete ascoltare nel video, anche apprezzato per la sua ironia.

[youtube

La riflessione di Biffi parte dalla signora Sandra, ma passa attraverso gli insegnamenti del Cardinal John Henry Newman: “mi è venuto in mente quello che dice nel suo libro La Grammatica dell’Assenso, uno dei suoi libri più difficili, dove distingue l’assenso nozionale da quello reale. Quando dico “Dio è l’essere perfettissimo” questo è un puro concetto astratto che per la vita spirituale non serve niente, con buona pace dei teologi. Quando la Sandra diceva “El Signùr il g’avrà i suoi difett” parlava di Dio come di una persona concreta che aveva davanti. E’ una frase stereotipa, ma questo è una assenso reale, quindi alla fine lei si metteva in comunione col Signore molto più di quanto posso fare io con tutta la mia teologia”. Il Cardinale, racconta allora di aver raccontato questa riflessione e questo aneddoto ad un Pontefice divertito che gli rispose: “vorrei infine dirle grazie per il suo realismo, per il suo umorismo, e per la sua concretezza fino alla teologia un po’ audace di una sua domestica, non oserei sottoporre queste parole al giudizio della Congregazione per la Dottrina della Fede”.

Davvero una bella riflessione che ci ricorda che il nostro rapporto con Gesù deve essere davvero spontaneo e dialogico, si potrebbe dire alla “don Camillo”, ma soprattutto che dobbiamo avere una fede piena di umorismo, non cupa o seriosa, ma seriamente incarnata nella nostra vita, e una vita senza una risata è vuota, una amicizia senza risate non è amicizia, compresa quella col Signore…

Tags:
fedeumorismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
4
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
7
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni