Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il rientro dalle vacanze è peggio del previsto? Prendete un gatto, anzi due!

GATTO GRIGIO SCOZZESE
Condividi

Non sappiamo più riposarci davvero, lo dice anche il Papa. Eppure un modo ci sarebbe...

Lettere a una moglie 2 di Giuseppe Signorin

Ho sempre più dubbi che le vacanze siano una conquista dell’umanità, amore mio. Organizzarle è stress allo stato puro. Al lavoro, prima di staccare, bisogna risolvere un sacco di problemi in fretta. Se poi le cose non vanno come si vorrebbe – e le cose non vanno mai come si vorrebbe -, frustrazione a palla. I ragazzi, fino ai 60 anni, si devastano in ogni modo. I più grandi cercano di realizzare in quei giorni tutti i loro sogni, perché si vive una volta sola. Finite le ferie, mezzi morti, si riprende e c’è da recuperare il tempo perso.

Va beh, sono stato un po’ ottimista, ma più o meno le cose stanno così. L’ha detto anche Papa Francesco che l’essere umano non si è mai riposato tanto come oggi ma non è mai stato così stanco e vuoto. Abbiamo mille possibilità e cerchiamo fughe da ogni parte senza capire che il modo migliore di ricaricarsi è fermarsi un attimo e contemplare, ringraziare, fare pace con la propria storia per ripartire più leggeri e al tempo stesso più pieni. O almeno io ho capito così. In vacanza bisognerebbe stare un attimo fermi e rallentare. Anche ritrovarsi la casa allagata è un ottimo modo di passare le vacanze, comunque. C’è andata bene.

Soprattutto se poi ci si ritrova meno soli con qualche topolino di campagna (non i “Cugini”) forse incuriosito dal caos domestico. Già nella prima serie di “Lettere a una moglie”, verso la fine, era apparso un topo, “Topo Secret”. Si trattava però di un episodio molto più onirico, mentre il buon Dio per questa nuova serie ci ha riservato qualcosa di ben più reale. Dei simpaticcissimi topini di campagna che vederseli sfrecciare in casa come minimo fa venire la schizofrenia: non saprei come descrivere altrimenti il nostro cambiamento di voce non appena li abbiamo visti. E anche di velocità. All’improvviso ci siamo trasformati in due voci bianche urlanti che saltavano sulle sedie, sul divano… Ma ogni inconveniente porta i suoi frutti.

Il primo è “Nuvola”, la gattina bianca con uno scarabocchio grigio in testa che sto addestrando perché diventi una predatrice letale. Una gatta “gattivissima”, per rubare la battuta alla nostra amica Maria Rachele. Il secondo frutto non so ancora come si chiami, ma fra qualche settimana arriva: un’altra gattina, perché a mali estremi, estremi rimedi. E i topini di campagna per quel che mi riguarda sono mali estremi. Altro che i Cugini. Quindi due gatti, amore mio. Anzi, due gatte: su internet dicono che le femmine, per proteggere la prole, tendono a essere più combattive e aggressive soprattutto verso gli estranei. Non avevo dubbi. Lo so, c’è un’overdose di animali domestici, in giro, ma in questo caso Nuvola e chi verrà a farle compagnia sono qualcosa di più: due piccole bodyguard. Già con Nuvola, per quanto sia ancora minuscola, mi sento più sicuro. Dal tuo gattaro preferito per oggi è tutto. Passo e chiudo. Che Dio benedica i nostri animali da guardia presenti e futuri. Ti amo.

QUI IL LINK ALL’ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.