Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cosa significa che gli angeli “governano” il Creato?

Fr Lawrence Lew, O.P.
Condividi

Gli spiriti angelici sarebbero le forze che mettono in movimento gli agenti naturali (pioggia, vento, mari, fiumi, ecc). Lo sostengono San Tommaso e Sant'Agostino e diversi altri Padri della Chiesa

Si avvicina la XIV edizione del meeting nazionale sugli angeli. L’appuntamento è alla basilica di San Giuseppe al Trionfale, a Roma, il 29 e 30 settembre. Il tema del meeting, in questa edizione, è il rapporto tra gli angeli e l’ecologia.

Proprio come l’ecologia ci insegna ad usare e non abusare della natura – sostiene l’angelologo Don Marcello Stanzione, autore di “Gli Angeli e l’ecologia” (edizioni Segno) – così la dottrina sugli angeli ci insegna che non tutte le cose sono a nostra disposizione. Tutto ciò che c’è, è per la gloria di Dio. Tutto ciò che esiste è disposto secondo un piano provvidenziale di Dio.

Secondo l’angiologia, queste creature spirituali ci aiutano a preservare il creato. Non a caso San Michele Arcangelo è considerato il patrono “non ufficiale” degli ecologisti proprio perché è l’angelo che combatte il demonio (che invece  si impegna a distruggere l’equilibrio ecologico del nostro pianeta).

Custodi di creato, piante e acque

I primi Padri della Chiesa, sant’Ambrogio e sant’Ilario (J. Tourmel, “Storia dell’angelologia dai tempi apostolici alla fine del V secolo”, rivista di storia e di letteratura religiosa, 1898) attribuiscono agli angeli quel ruolo di custodi degli uomini, degli animali, delle piante e delle acque. Atenagora riconosce loro il governo del cielo e di tutti gli elementi. Epifanio fa menzione dell’angelo del tuono, dei lampi e del calore. Così anche le singole nazioni per l’Ebraismo sono soggette alla custodia di un angelo e tale idea fu conservata anche nell’antichità cristiana.

THREE ARCHANGELS
Domaine Public

Ciascun oggetto è affidato ad un angelo

I Padri, senza alcuna difficoltà, pongono sotto la vigilanza e la guida degli angeli tutto il mondo della materia inorganica e animata, le stelle, gli astri, la terra, gli elementi, le piante, gli animali, le nazioni, i popoli, l’uomo. Per esempio Origene, sant’Ambrogio, sant’Agostino ammettono che ciascun oggetto, gli elementi, gli astri fino agli insetti sono affidati alla custodia di un angelo particolare.

“La potenza invisibile” di Sant’Agostino

A tale proposito sant’Agostino scrive: “Riteniamo per certo che in questo mondo ogni creatura visibile è affidata ad una potenza invisibile secondo la testimonianza più volte ripetuta nella stessa Scrittura” (De diversis questionibus octoginta tribus liber, Pl, 40,11-40, q. 83 e seg.). In questa direzione la teologia cattolica va quindi d’accordo con la migliore filosofia ed infatti san Tommaso d’Aquino asserisce: “Tutti gli esseri corporei sono governa- ti e mantenuti nell’ordine da esseri spirituali, tutte le creature visibili sono sostenute da creature invisibili” (summa Theol., p. I, q. XLV, a. 3).

Motori “subordinati” a Dio

L’angelologia sostiene che gli angeli mettono in movimento, grazie alla virtù divina, le sfere celesti e tutte le forze vive della natura. Essi sono dei motori secondi subordinati al primo motore che è Dio.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.