Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Se togliamo Cristo muore l’uomo: ecco la secolarizzazione dell’Occidente

Everett Art/Shutterstock
Condividi

Il lavoro, la materia, il tempo e la persona hanno un valore da quando all’uomo è stata data la buona novella che Dio è entrato nella storia umana. La luce dell’Occidente è nata da questa immensa luce che è una persona, Cristo.

di Anna Bono

La “buona novella” è che esiste un solo Dio, che quell’unico Dio è onnipotente e misericordioso. La buona novella è che siamo nati e non moriremo mai, che ci attende l’eternità. La buona novella è che “ogni creatura è bene”, che ogni uomo è nella mente di Dio prima di tutti i secoli, pensato e amato. La buona novella è che perciò non dobbiamo mai più temere demoni, streghe e spiriti maligni e che nessun essere vivente – sia esso uomo o animale – va sacrificato per propiziarsi un Dio, schivarne la collera e i capricci. Lo provano, dandone certezza assoluta, la passione e resurrezione di Cristo e il sacramento del battesimo, uguale per tutti, senza possibile esclusione per etnia, sesso e qualsiasi altro fattore, ascritto o acquisito.

Chi è vissuto dove la buona novella non è arrivata o risuona ancora debole sa quanto sollievo, gaiezza, fiducia, speranza generi il suo annuncio, quanto renda lo sguardo dell’uomo sul mondo sereno, e benevolo l’atteggiamento verso il prossimo, responsabile quello nei confronti della natura. Chi invece è nato dove la buona novella ha modellato nei secoli società e coscienze può non capirlo, inconsapevole di ciò che si patisce in paura, ansia, solitudine, avversione, dolore, impotenza oltre i confini della civiltà in cui vive.

C’è una pagina scritta da don Luigi Giussani nel 1986 che con poche frasi descrive questa civiltà e quanto essa debba al cristianesimo:

La cultura occidentale possiede dei valori tali per cui si è imposta come cultura e operativamente, socialmente, a tutto il mondo (…) tutti questi valori la civiltà occidentale li ha ereditati dal cristianesimo: il valore della persona, assolutamente inconcepibile in tutta la letteratura del mondo; (…) il valore del lavoro, che in tutta la cultura mondiale, in quella antica ma anche per Engels e Marx, è concepito come schiavitù, è assimilato a una schiavitù, mentre Cristo definisce il lavoro come attività del Padre, di Dio; il valore della materia, vale a dire l’abolizione del dualismo tra un aspetto nobile e un aspetto ignobile della vita della natura, che non esiste per il cristianesimo; la frase più rivoluzionaria della storia della cultura è quella di San Paolo: “ogni creatura è bene”; il valore del progresso, del tempo come carico di significato, perché il concetto di storia esige l’idea di un disegno intelligente. Questi sono i valori fondamentali della civiltà occidentale, a mio avviso. Non ne ho citato un altro, perché è implicito nel concetto di persona: la libertà. (“Appunti da una conversazione di Luigi Giussani con un gruppo di Comunione e Liberazione, New York, 8 marzo 1986”, Tracce-Litterae Communionis, febbraio 2002).

Se la persona non ha valore, allora quel che conta, a cui tutto e tutti vanno sacrificati, è il bene, l’interesse della comunità di lignaggio, di clan, famigliare, tribale. Se il lavoro non ha valore, si praticano economie arcaiche, di sussistenza, fatica e sudore toccano a donne e bambini. Se il progresso non ha valore, si guarda al passato, ad esso fedeli a oltranza, riproducendo istituzioni dettate dagli antenati fondatori, si deplorano le innovazioni, il cambiamento è visto come trasgressione. Se la libertà non è un valore, valgono gli status ascritti che prescrivono il destino di ogni individuo, i suoi diritti e i suoi doveri, dalla nascita alla morte.

La gloria della razza umana è l’unicità di ogni individuo – scriveva Murray N. Rothbard nel 1971 – il fatto che ogni persona, quantunque simile a ciascun’altra per molti aspetti, possiede una propria personalità ben individuata. È il fatto dell’unicità di ogni persona, il fatto che non esistono due persone pienamente intercambiabili che rende ogni uomo insostituibile e che rende importante se egli vive o muore, se è felice o se è oppresso. E, infine, è il fatto che queste personalità uniche hanno bisogno della libertà per il loro pieno sviluppo che costituisce uno dei maggiori argomenti a favore di una società libera. (Freedom, Inequality, Primitivism and the Division of Labor, Institute for Human Studies, Menlo Park, 1971).

Quelle di don Giussani e Rothbard sono affermazioni che ancora suonano per molti come una sfida, una minaccia all’ordinato, giusto, consueto andamento dell’esistenza.

Intanto lo diventano, o si fanno irrilevanti, sotto i nostri occhi, proprio nel cuore dell’Occidente cristiano, se la buona novella non viene più annunciata o non viene ascoltata. Si chiama secolarizzazione, vuol dire dimenticare Dio, vivere senza fede. Quel che la buona novella ha donato, la secolarizzazione si porta via… non incolpiamo gli smarthphone, i social network, WhatsApp, twitter, meri mezzi di comunicazione, prodigiosi; e ringraziamo Dio che ha dato all’uomo l’ingegno e la volontà di realizzare sempre nuove, benefiche conquiste tecnologiche, sempre più alla portata di tutti.

QUI IL LINK ALL’ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.