Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 24 Luglio |
San Charbel
home iconStile di vita
line break icon

7 motivi per cui andare a messa non è da sfigati

CELEBRAZIONE ALL'APERTO

unsplash-logoGrant Whitty

Cor XIII - pubblicato il 04/09/18

Alla fine il motivo è uno solo: Cristo presente vivo e vero oggi. E ogni cuore ha sete di Lui...

di Sara Manzardo

Se stai leggendo questo articolo, i casi potrebbero essere due: o pensi che andare a messa sia effettivamente una roba da sfigati, oppure sei uno che va messa tutte le domeniche e sta cercando un modo per convincere i suoi amici di non essere uno sfigato. In entrambi i casi, mettiti comodo: sei nel posto giusto!

Per iniziare, ti direi addirittura che la messa oggi è roba per i giovani. Sì, lo so, stai pensando alle vecchiette stonate, alle schitarrate anni ’80 e ai gruppi “anta” che condividono santini e amen sbarluccicosi su whatsapp. Ecco, mettili un momento da parte. Ah, certo, poi ci sono anche un sacco di persone peccatrici, incoerenti, poco misericordiose che vanno a messa… insomma, tante persone che non ti vanno proprio a genio. Ma sarebbe come non voler andare in palestra perché è piena di persone grasse e fuori forma!

Guarda un po’ più in là: non so se lo sai, ma ci sono chiese che si riempiono di giovani fino a scoppiare! I corsi del Sog di Assisi, ad esempio, attirano i giovani come il miele! Oppure i Dieci Comandamenti di don Fabio Rosini, la GMG, le Missioni Universitarie e tante altre proposte… se vai a guardare ci sono chiese che non hanno abbastanza posti a sedere per questi ragazzi. Ma come è possibile?




Leggi anche:
I Dieci comandamenti? Sono lo stile di vita di Dio

Ecco i 7 motivi per cui andare a messa non è per niente una cosa da sfigati, ma anzi è una cosa sempre più cool e sempre più giovanile:

1. La messa è la miglior scuola di meditazione. Quanti di noi spendono soldi per fare corsi di yoga o qualsiasi altro tipo di meditazione orientale dai nomi impronunciabili per raggiungere l’infinito cosmico? La Chiesa è una scuola di meditazione gratuita, frequentabile almeno una volta a settimana, in cui non devi raggiungere proprio niente e nessuno, perché è Dio che raggiunge te, attraverso il silenzio, il canto, l’ascolto, l’Eucaristia…

2. La messa è un’ottima palestra per la crescita personale. Non c’è niente da fare, tutti quei valori sani che hai imparato dai tuoi genitori e dalla società, come il rispetto della vita altrui, la solidarietà, la carità, il perdono, sono valori inventati e diffusi dal Cristianesimo. Quale modo migliore di interiorizzare quei valori nella vita quotidiana se non facendosi allenare da chi li ha inventati?

3. Andando a messa, impari il team-building e impari a confrontarti. Lo so, pensi che la fede sia una cosa personale, ma sarebbe troppo facile e poco utile viverla in modo staccato dalla tua vita e da chi ti circonda. Frequentando la parrocchia, scopri di essere parte di una comunità e hai la possibilità di mettere in gioco le tue capacità e le tue conoscenze per migliorarla e per crescere insieme agli altri. Ti sarà utile anche per il lavoro: sempre più aziende danno la precedenza a chi ha fatto esperienza di teambuilding e ha svolto qualche servizio in parrocchia.


GOSPEL

Leggi anche:
Lettera ad un sacerdote: “Non mi interessano i campetti di calcio, i teatrini, le conferenze…”

4. La messa è un’arma contro la superstizione. Ma come, la fede non è superstizione? Facciamo i fighi dicendo di non credere in Dio, ma crediamo a qualsiasi altra cosa. Al karma, alle energie positive e negative, all’oroscopo, alle nostre sicurezze, ognuno ha i suoi, chi più chi meno. A messa impari che la fortuna e la sfortuna non esistono, e che il tuo destino non è legato al caso, ma alle scelte che fai e al modo in cui scegli di vivere quella particolare situazione. A messa scopri che il Cristianesimo non ti dà scorciatoie né formule magiche, ti responsabilizza.

5. La messa è il modo migliore per uscire dalla tua comfort-zone. Hai presente quella serie di convinzioni tue personali che guai a toccarle? A volte nascondono la paura di metterti in discussione, perché potresti scoprire di avere torto. Esci dal quadrato e per una volta guarda la messa con occhi nuovi e liberi da pregiudizi. Ascolta quello che si dice, osserva i gesti, fai amicizia con nuove persone, cerca un confronto…

  • 1
  • 2
Tags:
Messasacramenti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
3
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
4
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
7
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni