Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sexdolls, prima casa di appuntamenti a Torino: è la fine dell’uomo?

SEX DOLLS
Condividi

Oggi si inaugura nel capoluogo piemontese il primo esercizio del genere. Il mercato delle bambole robotiche a scopo erotico è floridissimo e in piena crescita. La donna rappresentata nelle bambole in esse è anche offesa e degradata

Non conoscevo questa diffusa perversione ma Marina Terragni conferma che essa corrisponde ad una richiesta tipica di certa clientela e vede in essa e nelle sevizie asettiche a cui questa bambola potrà essere sottoposta anche su suolo patrio la mostruosa deformazione di quello che fino a poche migliaia di anni fa era un culto diffusissimo, quello per la maternità, per la Madre col suo ventre tondo e le mammelle turgide a rappresentare la forza prorompente della vita, della generazione che avviene nel corpo femminile e da sempre suscita venerazione e ossequio.

La bambola incinta può diventare a piacere un orinatoio o un vomitatoio, la si può prendere a calci nel pancione, trascinare per i capelli, eventualmente strangolare, e così via, a piacere. Poi verrà disinfettata e consegnata al malato successivo. ( Ib., marintaterragni)

Ma nella virilità degradata, lasciata in pasto a sé stessa, ineducata e addirittura sollecitata a percorrere tutte le aberrazioni che i vizi coltivati con cura possono suscitare, la donna-madre diventa un bersaglio di violenza, vilipendio e odio.

Leggi anche: Il dilagare della pornografia genera mostri

E il pessimo servizio che la diffusione dei robot sessuali garantiscono è quello di normalizzare l’esercizio della violenza maschile, fa notare Sian Norris su newstatement:

 (…)i robot sessuali fanno sembrare la violenza maschile più normale, più accettabile e, invero, inevitabile. Come? Perché questi robot sono specificamente progettati per erotizzare il non consenso.

Un robot sessuale non può dare il consenso – può solo prendere qualunque cosa il suo proprietario gli infligga. Di conseguenza, non solo invita un trattamento abusivo, lo richiede.

Le minacce del post-umano tecnologicamente attrezzato che attecchiscono su un umano impoverito, indebolito, lasciato incolto procurano angoscia. Viene da chiedersi dove ci si sia perduti così. Eppure l’uomo può tutto questo, il cuore dell’uomo è capace di cose orribili, e noi sappiamo di quale maligna partnership si avvalga.Da dentro escono le cose che ci contaminano, insegna il Vangelo. E noi che facciamo anziché impedirne l’emersione? Ne facciamo un settore merceologico; le customizziamo, le orientiamo al cliente (la persona non è più!), centro di questo nuovo dis-umanesimo.

Se non ci fosse la speranza cristiana a fermentare sopra questi malsani acquitrini verrebbe da figurarsi un futuro desolato, ipertecnologico e violento, abitato da individui sempre più soli preda dei propri stessi istinti, con desideri imperiosi da soddisfare. Scenario verosimile, ma non definitivo, invece.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.