Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Moscardin
Aleteia logo
home iconNews
line break icon

Germania: aumenta il numero di donne con mutilazioni genitali

FGM

Juan Carlos Lucas - Nurphoto

Paul De Maeyer - pubblicato il 31/08/18

Il caso del Kenya

Anche se in vari Paesi del mondo la lotta contro le MGF ha fatto importanti passi in avanti, in Kenya rischia di regredire. Infatti, come segnala sempre la Deutsche Welle in un articolo del 5 febbraio, nel Paese africano, che nel 2011 ha messo al bando la prassi, la dottoressa Tatu Kamau si è rivolta alla giustizia in un tentativo di ottenere nuovamente la sua legalizzazione.

La mutilazione genitale femminile (MGF) appartiene al nostro patrimonio, vietare la MGF è allontanarsi dalle nostre radici africane”, sostiene la dottoressa. “Chiedo che questa legge venga abolita in modo che sia legale per noi praticare la nostra cultura”, così continua la Kamau, la quale propone dimedicalizzare la prassi e di lasciar decidere liberamente alle donne adulte se sottoporsi “sì” o “no” al cut (taglio), come viene chiamata.

Secondo Renate Staudenmeyer, dell’organizzazione Terre des Femmes, la proposta avanzata dalla Kamau è dannosa, perché minimizza la “violenza strutturale” che si nasconde dietro la prassi. “È una forma estrema di violenza che viene perpetrata sulle ragazze”, così ricorda.

A metà giugno, il giudice David Kemei dell’Alta Corte di Machakos, a sud-est della capitale Nairobi, ha rinviato il caso presentato dalla Kamau al Chief Justice David Maraga, con la domanda di nominare un pannello di tre giudici per decidere sul caso, così riporta il quotidiano The Star.

Situazione globale

Secondo le stime del Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF), pubblicate nel febbraio 2016 in occasione della Giornata internazionale di Tolleranza Zero per la mutilazione genitale femminile, almeno 200 milioni di bambine e donne in 30 Paesi del mondo hanno subito le mutilazioni nel 2015. La cifra rappresenta un incremento di 70 milioni rispetto al 2014, dovuto in parte alla crescita demografica in alcune regioni del mondo e ai dati governativi provenienti dall’Indonesia.

Mentre la metà circa di tutte le procedure di MGF vengono eseguite in soli tre Paesi del mondo (cioè Egitto, Etiopia e Indonesia), nel periodo 2004-2015 quasi la totalità delle donne della fascia di età 15-49 anni in Somalia e in Guinea hanno subito MGF: rispettivamente il 98% e il 97%, rivela la brochure dell’ONU. Per quanto riguarda le bambine della fascia 0-14 anni (alcune subiscono le FGM già nella prima settimana di vita), le percentuali più elevate si registrano in Gambia e Mauritania, con il 56% e il 54% rispettivamente.

L’ampiezza e brutalità della prassi, che non viene menzionata né nella Bibbia, né nel Corano, spiegano perché le Nazioni Unite hanno fissato nell’Agenda per lo Sviluppo Sostenibile anche l’obiettivo di eliminare le mutilazioni dei genitali femminili entro il 2030. “Con la dignità, la salute e il benessere di milioni di ragazze in gioco, non c’è tempo da perdere: insieme possiamo e dobbiamo porre fine a questa pratica dannosa”, ha dichiarato il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, nel suo messaggio per la Giornata internazionale di Tolleranza Zero 2018.

*

1] Le MGF vengono suddivise in quattro grandi categorie o procedure. Cfr. http://www.who.int/news-room/fact-sheets/detail/female-genital-mutilation.

  • 1
  • 2
Tags:
germaniamutilazioni genitali
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
5
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
CONFESSION, PRIEST, WOMAN
Gelsomino Del Guercio
Segreto, psicologo e assoluzione: 3 consigli per una corretta Con...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni