Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nella Confessione sacramentale non servono “dettagli angosciosi”

CONFESSIONAL
Shutterstock
Condividi

“Alcune persone vogliono ripetere intere confessioni perché sentono che non sono valide per il fatto di aver dimenticato qualcosa”

Padre José Eduardo de Oliveira è diventato particolarmente noto in Brasile dopo aver difeso con vigore la vita del nascituro nell’udienza pubblica del Supremo Tribunale Federal circa la depenalizzazione dell’aborto nel Paese.

Questa settimana, affrontando un altro argomento di grande rilevanza spirituale, il sacerdote ha pubblicato un post assai illuminante sulla sua pagina di Facebook sul “funzionamento” dell’assoluzione sacramentale.

Il sacerdote spiega che non serve angosciarsi e gettarsi in una descrizione dettagliata al momento di confessarsi, per paura di non essere assolti nel caso in cui si dimentichi qualche peccato o questo non venga descritto in modo minuzioso. Calma: non è così che “funziona” la misericordia di Dio. Dio è molto più semplice e generoso!

La tendenza a sopravvalutare e a esagerare il peso di ogni minimo scivolamento personale con la paura della punizione divina è una malattia spirituale chiamata scrupolosità. Per l’importanza della questione riportiamo il post di padre José Eduardo:

*

L’IGNORANZA SUL MODO DI AGIRE DELL’ASSOLUZIONE SACRAMENTALE

Circola una certa glamourizzazione di una delicatezza di coscienza inscenata, più frutto della mania di dettagli che di una retta comprensione dottrinale della disposizione richiesta al penitente.

Il Catechismo di San Pio X (690) dice (si faccia attenzione alla citazione): “Quanti sono gli effetti del sacramento della Penitenza? Il sacramento della Penitenza conferisce la grazia santificante con la quale sono rimessi i peccati mortali e anche i veniali che si sono confessati e dei quali si ha dolore”.

Nell’immaginario dello pseudo-scrupuloso esiste la necessità nervosa di una confessione esaustiva dei peccati, al di là della specie e del numero (ovvero si ha la necessità psicologica di riferire dettagliatamente ogni mancanza per sentirsi sollevati), come se l’assoluzione venisse conferita individualmente a ogni punto della lista presentata, come se dipendesse più da questo che dal potere sacramentale.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.