Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Dalla parte delle bambine: il loro primo diritto? Nascere

LITTLE INDIAN GIRL
Condividi

Il termine femminicidio ha ragione di essere usato per lo sterminio sistematico e mirato delle bambine, uccise il prima possibile solo in quanto femmine. Sommando Cina e India ne mancano all'appello 100 milioni

La grande tragedia della tristezza del postmoderno, la tristezza opaca in cui viviamo , l’autoaggressione, l’alcol puro bevuto a canna, il maledetto spinello, la metaafetamina, il tagliarsi, l’odiarsi hanno tra le loro radici la frattura della natura e della storia. La natura afferma che i maschi vogliono le femmine e le femmine i maschi e che entrambi vogliono una discendenza. La storia ha creato il matrimonio perché tutto questo sia possibile.

Matrimonio viene da madre, mammifero da mammella, tutto girava attorno alla donna, tutta la società era costruita per permettere alla donna di diventare madre. Uomini e donne sono profondamente diversi, se così non fosse non sarebbero spinti gli uni verso le altre, non avrebbero bisogno di essere completati da un corpo e da una mente diversi.

Parliamo di violenza contro le donne. Solo violenza occidentale, su lapidazione e infibulazione tutti zitti, altrimenti pare brutto, e solo violenza sulle donne nate. Di quelle non nate non è stato detto niente. Grazie alla banalizzazione dell’aborto, grazie alla possibilità di uccidere un grumo di cellule che diventerà la nostra discendenza nel nostro ventre, l’aborto è stato banalizzato, è stato normalizzato, una bella cosa, un diritto. La Cina e l’India hanno approfittato. Non è stata solo un’imposizione maschile, della parte più ignobile e oscena del maschile, è stata anche una conquista femminile, diciamocela questa verità, nessuna vuole diventare madre di una femmina in Cina e India se si può scegliere. La politica del figlio unico, la tragica usanza della dote hanno fatto questo scempio.

Mancano 60 milioni di bambine in Cina, 60 milioni di aborti fatti dopo che l’ecografia è stata in grado di stabilire il sesso, un aborto fatto su un ammasso di cellule bello grosso, in grado di sentire il dolore e l’orrore della propria morte.

In India le cliniche hanno scritto sui cartelloni per risparmiare 1000 rupie ora ( di ecografia ed eventuale aborto) ne spenderai 20000 ( la dote) tra 20 anni. Mancano 40 milioni di bambine in India, che sommate e quelle cinesi fanno 100 milioni di bambine, il più grande sterminio della storia.
Questo è femminicidio: l’esatta definizione di femminicidio, uccisa solo in quanto femmina. La parola quindi deve indicare questo inaudito sterminio.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.