Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 30 Novembre |
Sant'Andrea
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Ecco quello che ha fatto Papa Francesco fino ad oggi per arginare gli abusi sessuali nella Chiesa

IRELAND-VATICAN-RELIGION-POPE

Pope Francis addresses the congragation at St Mary's Pro-Cathedral in Dublin on August 25, 2018, during his visit to Ireland to attend the 2018 World Meeting of Families. / AFP PHOTO / Tiziana FABI

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 26/08/18

Questi sono i documenti ufficiali. C'è tanto da fare, ma si sono iniziate a smuovere le acque

«Questa piaga aperta ci sfida ad essere fermi e decisi nella ricerca della verità e della giustizia». Nella seconda e ultima giornata del suo viaggio in Irlanda, domenica 26 agosto, Papa Francesco attraversa in volo l’isola fino al villaggio di Knock, divenuto nel corso del Novecento uno dei maggiori santuari mariani d’Europa, e torna a parlare delle violenze e degli abusi su minori nelle istituzioni cattoliche che hanno travolto la Chiesa irlandese dopo le quattro inchieste governative condotte tra il 2005 e il 2011.

«La Madonna guardi con misericordia tutti i membri sofferenti della famiglia del suo Figlio. Pregando davanti alla sua statua, le ho presentato, in particolare, tutti i sopravvissuti, tutte le vittime di abusi da parte di membri della Chiesa in Irlanda», ha spiegato tra gli applausi alle migliaia di fedeli presenti. «Nessuno di noi può esimersi dal commuoversi per le storie di minori che hanno patito abusi, che sono stati derubati dell’innocenza o sono stati allontanati dalle mamme e abbandonati allo sfregio di dolorosi ricordi».

Sabato pomeriggio, 25 agosto, Francesco ha incontrato nella nunziatura otto vittime che gli hanno parlato delle adozioni illegali, delle violenze commesse nel Novecento nelle “Magdalene Laundries” e nelle case per ragazze madri gestite da religiose (Corriere.it, 26 agosto).


PEDOFILIA

Leggi anche:
«Dove ci sono misure di prevenzione è diminuita la pedofilia nella Chiesa»

La lettera sul Cile

Sulla pedofilia nella Chiesa, il Papa non è solo intervenuto con moniti pubblici, nel corso di cerimonie religiose o viaggi pastorali. Quest’anno ha già scritto due documenti. Il primo è del 13 aprile 2018. Si tratta della “Lettera del Santo Padre Francesco ai vescovi del Cile, a seguito del report consegnato da S.E. Mons. Charles J. Scicluna“.

Scicluna è uno degli inviati di Bergoglio che ha avuto il compito di esaminare i casi di abusi sessuali del clero in Cile e le relative coperture dei vescovi locali. La lettera di Francesco ha portato alle dimissioni dei prelati del Paese sudamericano, anche se non tutte, ad ora, sono state accolte e formalizzate dal pontefice, che si è riservato di esaminare ogni singolo caso.


POPE FRANCIS GENERAL AUDIENCE

Leggi anche:
Papa Francesco ha incontrato le vittime del caso Karadima

Il documento del dopo Pennsylvania

Il secondo documento scritto dal Papa è la “Lettera del Santo Padre Francesco al popolo di Dio“, del 20 agosto 2018. In questo caso Bergoglio ha elaborato la lettera dopo il caso dei circa 300 preti che avrebbero commesso abusi sessuali nello Stato americano della Pennsylvania tra il 1940 e gli anni 2000. E’ un documento di scuse, mortificazioni per quanto accaduto, ma anche di dura condanna per chiunque copre e insabbia gli abusi.


DANIEL PITTET, OFIARA PEDOFILII

Leggi anche:
La vergogna dei 301 preti pedofili in Pennsylvania. Nel mirino anche i vescovi insabbiatori

Il motu proprio sulle colpe dei vescovi

Tornando al 2016, Francesco era intervenuto con un altro documento, precisamente una lettera apostolica in forma “motu proprio” (cioè scritto di iniziativa dal Papa e non proposto da alcun organismo della Curia), dal titolo “Come una madre amorevole“.

In questo documento si evidenziano, non a caso, le responsabilità che omette o nasconde, oppure tutela casi di preti pedofili nella propria diocesi. Evidenzia Francesco, citando altri due documenti su questo tema, stilati rispettivamente da Giovanni Paolo II e Joseph Ratzinger nel 2001:

«Con la presente Lettera intendo precisare che tra le dette “cause gravi” è compresa la negligenza dei Vescovi nell’esercizio del loro ufficio, in particolare relativamente ai casi di abusi sessuali compiuti su minori ed adulti vulnerabili, previsti dal MP Sacramentorum Sanctitatis Tutela, promulgato da San Giovanni Paolo II ed emendato dal mio amato predecessore Benedetto XVI. In tali casi si osserverà la seguente procedura».




Leggi anche:
La dura lettera di Papa Francesco: dolore e vergogna per gli abusi sessuali nella Chiesa

I compiti della Pontificia Commissione

Il 22 marzo 2014, Francesco istituiva la Pontificia Commissione pr la Tutela dei minori, guidata dal cardinal Sean O’Malley.

«Compito specifico della Commissione sarà quello di propormi le iniziative più opportune per la protezione dei minori e degli adulti vulnerabili, sì da realizzare tutto quanto è possibile per assicurare che crimini come quelli accaduti non abbiano più a ripetersi nella Chiesa. La Commissione promuoverà, unitamente alla Congregazione per la Dottrina della Fede, la responsabilità delle Chiese particolari per la protezione di tutti i minori e degli adulti vulnerabili».

La circolare 2011

Dunque, che il Papa stia tentando di porre argine e sia intervenuto con documenti ufficiali, più volte, sul tema pedofilia è un dato di fatto. Che ci sia ancora molto da fare è altrettanto evidente.

Bergoglio, intanto, con le sue iniziative ha dato seguito ad un importante documento del 2011 della Congregazione per la Dottrina della Fede:Lettera circolare per aiutare le conferenze episcopali nel preparare linee guida per il trattamento dei casi di abuso sessuale nei confronti di minori da parte di chierici“.

Una circolare che suona come un tentativo di curare una malattia che già da qualche anno era esplosa in molte diocesi mondiali: la copertura, da parte dei vescovi, degli abusi sessuali compiuti dai propri sacerdoti. Insabbiare per non dare “scandalo” e far parlare in negativo, il meno possibile, della Chiesa diocesana (Aleteia, 24 agosto).


ARCHBISHOP PHILIP WILSON

Leggi anche:
Un anno di carcere al vescovo che ha insabbiato gli abusi sessuali di un suo prete

La lentezza delle Conferenze Episcopali

Conversando con Aleteia, il teologo Hans Zollner ha spiegato che nei Paesi in cui le Conferenze Episcopali hanno già reso pratiche le linee guide della circolare si sono raggiunti buoni risultati sulla regressione dei casi di pedofilia nel clero.

Il dato poco incoraggiante è che le Conferenze Episcopali che hanno completato il percorso di prevenzione sono ancora poche: tra esse Usa, Australia, Irlanda, Inghilterra, Paesi dove negli anni passati si erano registrati grossi scandali.

Il miglioramento in Irlanda

In Irlanda, ad esempio, dal gennaio 1975 si sono registrate 1.259 denunce di abusi contro 489 sacerdoti o religiosi in 26 diocesi, e di questi accusati, solo 36 sono stati portati di fronte ai tribunali penali. Anche se, tra quelle effettuate nel 2017, una sola denuncia è relativa ad abusi accaduti dopo l’anno 2000: ovvero la prevenzione degli ultimi anni funziona (Agi, 26 agosto)

Zollner sollecitava l’istituzione all’interno di ogni singolo Paese di uffici ecclesiastici che monitorano le diocesi, e uffici diocesani che controllano, a loro volta, le parrocchie. Un lavoro, quindi, ancora molto lungo da compiere prima di parlare di corretta prevenzione della pedofilia nel clero.

Tags:
papa francescopedofilia nella chiesa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni