Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 02 Dicembre |
Blanca de Castilla
home iconFor Her
line break icon

Vaccini realizzati con cellule di feti da aborti volontari? La posizione della Chiesa

Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 22/08/18

Le risposte della Pontificia Accademia per la Vita di fronte agli interrogativi di natura etica e al dovere di tutelare la salute dei bambini

Nell’ambito della Chiesa Cattolica, ma non solo, permane ancora viva l’annosa e complessa questione relativa alla liceità etica della produzione, diffusione ed uso di alcuni vaccini la cui preparazione risulta in qualche modo connessa ad aborti procurati in passato. Ci riferiamo ad alcuni vaccini costituiti da virus vivi ma “attenuati” che sono stati inizialmente sviluppati da tessuti cellulari umani provenienti da feti volontariamente abortiti.

Il vaccino contro la rosolia

Il più noto ed importante di essi, per la sua vasta diffusione e l’enorme rilevanza per la sanità pubblica, è il vaccino contro la rosolia,malattia virale esantematica comune nell’infanzia che, quando clinicamente manifesta, si caratterizza per la presenza di macchie di colore rosaceo sulla pelle. Essa è abitualmente benigna tranne che per l’embrione ed il feto: infatti quando il virus viene contratto da una donna incinta, specialmente se nel primo trimestre di gestazione, il rischio di infezione fetale si avvicina al 100%, causando un insieme di severi danni al nascituro che vanno dalla morte intrauterina, alla sordità, alla cecità, al ritardo mentale, alle anomalie cardiovascolari. La gravità di questo quadro clinico definito “sindrome della rosolia congenita” e la devastante epidemia scoppiata negli Stati Uniti nel1964 hanno portato allo sviluppo di vaccini con l’obiettivo della precoce immunizzazione universale infantile e la conseguente drastica riduzione, se non l’eliminazione, del rischio di contrarre l’infezione durante la gravidanza. La vaccinazione contro la rosolia si è sviluppata negli anni sessanta del’900 da due linee cellulari (denominate scientificamente WI-38 e MRC5) appartenenti ai tessuti di due feti infettati da questo virus volontariamente abortiti, rispettivamente una femmina ed un maschio.

Il problema morale

Premesso che in generale le vaccinazioni rappresentano un presidio insostituibile nella lotta contro tante gravi malattie infettive, si pone il problema morale di quei vaccini, come appunto quello della rosolia, preparati da virus presenti nei tessuti di feti infettati e volontariamente abortiti, successivamente attenuati (depotenziati della loro aggressività) coltivandoli mediante passaggi attraverso ceppi cellulari umani. L’uso di questi vaccini da parte di un credente non configura allora una vera ed illecita cooperazione al male – ipotesi che si concretizza ogni qual volta una persona dotata di solida moralità percepisce un rapporto fra le proprie azioni e un gesto cattivo compiuto da altri – anche se esso si è determinato circa mezzo secolo fa?

La nota della Pontificia Accademia per la Vita

La nota circa l’uso dei vaccini del 2005 della Pontificia Accademia per la Vita, dopo una articolata precisazione in particolare dei concetti di cooperazione formale (quando si condivide l’intenzione cattiva) e materiale (quando non si ravvisa questa corrispondenza di propositi), giungeva alle seguenti conclusioni:

– Esiste il dovere di usare vaccini alternativi (non preparati a partire da cellule di feti abortiti) quando esistenti e disponibili, e di ricorrere all’obiezione di coscienza rispetto a quelli che comportano problemi morali;
– Bisogna lottare per la realizzazione di vaccini alternativi quando non ancora approntati;
– Viene ammessa la liceità dell’uso dei vaccini senza alternative, moralmente giustificata quando necessario per evitare un pericolo grave per i propri bambini e per la popolazione in generale, in primis le donne in gravidanza;
– Questa dichiarazione di liceità non deve essere letta come un’approvazione alla loro produzione, commercializzazione ed utilizzo, ma come extrema ratio di fronte al dilemma morale dei genitori di agire contro coscienza o mettere in pericolo la salute dei propri figli ed in generale della comunità di cui si è parte.

Il 31/7/2017 la pontificia Accademia per la Vita, l’Ufficio per la Pastorale della Salute della CEI e l’Associazione dei Medici Cattolici Italianihanno diffuso una nota congiunta per chiarire l’attuale posizione della Chiesa riguardo l’effettuazione delle vaccinazioni obbligatorie. In essa si legge testualmente:

“Nel passato i vaccini possono essere stati preparati da cellule provenienti da feti umani abortiti, ma al momento le linee cellulari utilizzate sono molto distanti dagli aborti originali. (…) Va considerato che oggi non è più necessario ricavare cellule da nuovi aborti volontari, e che le linee cellulari sulle quali i vaccini in questione sono coltivati derivano unicamente dai due feti abortiti originariamente negli anni sessanta del Novecento. (…) … le linee cellulari attualmente utilizzate sono molto distanti dagli aborti originali e non implicano più quel legame di cooperazione morale indispensabile per una valutazione eticamente negativa del loro utilizzo. D’altro canto non meno urgente risulta l’obbligo morale di garantire la copertura vaccinale necessaria per la sicurezza altrui, soprattutto di quei soggetti deboli e vulnerabili come le donne in gravidanza e i soggetti colpiti da immunodeficienza che non possono direttamente vaccinarsi contro queste patologie. Per quanto riguarda la questione di vaccini che nella loro preparazione potrebbero impiegare o aver impiegato cellule provenienti da feti abortiti volontariamente va specificato che il senso morale sta nelle azioni non nelle cose o nella materia in quanto tali”.

  • 1
  • 2
Tags:
abortovaccini
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PIAZZA SPAGNA
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco sceglie la prudenza, niente pi...
MESSA NATALE
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale in sicurezza, i vescovi itali...
Silvia Lucchetti
Remo Girone e la fede ritrovata dopo la malat...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni