Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 20 Giugno |
Beata Vergine Maria Consolatrice
home iconChiesa
line break icon

10 raccomandazioni di Papa Francesco per essere dei sacerdoti migliori

general audience

Antoine Mekary | ALETEIA | I.MEDIA

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 22/08/18

Dalla madre-Madonna al gusto della preghiera, dallo zelo apostolico all'umorismo. Ecco come farsi apprezzare di più dai propri fedeli

In un momento così delicato per i sacerdoti di tutto il mondo, tra scandali e accuse che si moltiplicano, ecco una sorta di utile manuale con delle raccomandazioni di Papa Francesco ai suoi “figli”.

Padre Diego Fares in “Dieci cose che papa Francesco propone ai sacerdoti” (Ancora editrice) raccoglie dieci proposte che Francesco spedisce direttamente al cuore dei suoi sacerdoti per fare in modo che migliorino il proprio ministero sacerdotale e il rapporto con le rispettive comunità di fedeli. Ecco le proposte.

1) Porgere la spalla e metterci il cuore

In un discorso alla festa di San Gaetano in Argentina, Bergoglio disse:

«Quando si porge la spalla – quella spalla che sta vicina al cuore, così vicina che il peso si avverte direttamente – si trova il proprio posto nella vita. Quando porgiamo la spalla alle necessità dei nostri fratelli, allora sperimentiamo, con stupore e gratitudine, che un Altro porta in spalla noi».

Francesco è di quelle persone che “ti porgono” sempre la spalla perché ci mettono il cuore. Cosa significa tutto questo?

Che il sacerdote deve conoscere e aprirsi a tutti ma senza anestetizzare il cuore. Perciò non bastano né la morale della legge né quella delle virtù, ma c’è bisogno di approfondire di più e di fare le cose di cuore mentre porgiamo la spalla alla nostra gente, alle famiglie, ai giovani che vanno sostenuti, agli anziani che richiedono tenerezza, ai più poveri che la società scarta e va lasciando sul bordo della strada.


general audience

Leggi anche:
Papa Francesco: i preti soli si sentano aiutati

2) Un giusto discernimento

CHINESE
© Antoine Mekary - ALETEIA

Come dice Evangelii gaudium:

«In questo mondo i ministri ordinati e gli altri operatori pastorali possono rendere presente la fragranza della presenza vicina di Gesù ed il suo sguardo personale. La Chiesa dovrà iniziare i suoi membri – sacerdoti, religiosi e laici – a questa «arte dell’accompagnamento», perché tutti imparino sempre a togliersi i sandali davanti alla terra sacra dell’altro» (cf Es 3,5) (EG 169).

Il discernimento è aprirsi affinché Gesù sia Signore della nostra vita concreta, e questo richiede di fare nostra questa verità: se vogliamo discernere o accompagnare un discernimento dovremo prenderci tempo. Quando qualcuno ci dice che vuole fare un discernimento, la prima domanda è se è disposto a dedicare tempo a questo processo.


FABIO ROSINI

Leggi anche:
Don Fabio Rosini ci spiega cosa è veramente il discernimento

3) Il gusto di pregare

«Non perdete la preghiera». È stata la prima raccomandazione di Francesco. Che ha aggiunto: «Pregate come potete, e se vi addormentate davanti al tabernacolo, benedetto sia. Ma pregate. Non perdete questo. […] Il tabernacolo è freddo, non è un televisore. Ma l’amore è lì».

Questo «Pregate come potete, ma pregate» è tipico della pedagogia di Francesco. Il Papa parla di «avere coraggio nella preghiera». Pazienza e coraggio. In generale uniamo il coraggio all’azione, ma Francesco dice che il coraggio apostolico nasce nella preghiera. Quella preghiera che porta a combattere con Dio intercedendo in favore del suo popolo, della sua gente.




Leggi anche:
Il Rosario, la preghiera del cuore per il Papa

4) Guardare la Madonna come una madre

«Non perdete il lasciarvi guardare dalla Madonna e il guardarla come Madre». Per Francesco, la Vergine è sempre stata ed è fondamentalmente Madre. Ed è anche «la Madonna», nostra Signora. E in quanto Madre e Signora ci fa andare sempre in braccio a sé, a coprirci sotto il suo manto e a lasciarci guardare dai suoi occhi: gli occhi della Vergine.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
papa francescopretisacerdoti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni