Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconChiesa
line break icon

Incontro Dublino. Don Pesce: tanto da imparare dalle famiglie

POPE FRANCIS GENERAL AUDIENCE

Antoine Mekary | ALETEIA | I.Media

Alessandro Gisotti - Vatican News - pubblicato il 19/08/18

Intervista sull'Incontro Mondiale delle Famiglie di Dublino, che inizia martedì 21 agosto, a don Francesco Pesce, esperto di pastorale familiare, autore del libro "Lettera d'amore" sull'Esortazione Apostolica "Amoris laetitia"

Famiglie di tutto il mondo stanno già arrivando in queste ore a Dublino, dove martedì 21 agosto si aprirà il IX Incontro mondiale delle Famiglie. All’evento prenderà parte anche Papa Francesco, che si recherà in Irlanda sabato prossimo. Grande l’attesa per un evento ecclesiale che arriva dopo due Sinodi sulla famiglia e la pubblicazione dell’Esortazione apostolica Amoris laetitia. Sui frutti che può dare l’Incontro di Dublino, abbiamo raccolto il commento di don Francesco Pesce, presidente del Centro della famiglia della diocesi di Treviso, e autore del volume “Una Lettera d’amore. L’Amoris laetitia letta in famiglia”, recentemente pubblicato dalle Edizioni Dehoniane.

R. – Mi attendo che sia ancora una volta una conferma della stima che la Chiesa ha per le famiglie così come sono. Ogni volta che ad una famiglia viene riconosciuta la stima da parte della Chiesa per ciò che fa e per ciò che è, è davvero come prendere una boccata d’aria, provo un gran piacere, perché riconosce la Chiesa come comunità e non soltanto come istituzione.

Molti sottolineano la concretezza di Amoris laetitia. Secondo lei, qual è il contributo specifico che questo documento sta dando e darà in futuro alle famiglie cristiane e non solo cristiane?

R. – Ascoltando le famiglie che l’hanno letta e che la approfondiscono, si percepisce che si sentono intercettate per i loro vissuti così come sono, quindi non principalmente la proposta di un modello di famiglia da imitare, da mettere in pratica, ma un accompagnamento alle situazioni, alle relazioni familiari così come sono. Quindi è un incoraggiamento a camminare con le proprie gambe e con il passo possibile. L’altra cosa che ho notato ascoltando le famiglie che hanno letto Amoris laetitia è questa: è un documento che mette al centro la relazione di coppia, per questo le coppie si sentono di essere capite davvero.

Le famiglie cristiane cosa possono dire e cosa possono dare in un contesto secolarizzato come quello irlandese, che poi è un contesto un po’ di tutto l’Occidente …

R. – Il titolo dell’Incontro delle famiglie – “Il Vangelo della Famiglia, gioia per il mondo” – credo dia un’indicazione su questo. Mi sembra che orienti le famiglie ad essere al servizio del mondo, non tanto a guardare un mondo come contrario alla fede, alle famiglie, quanto alla possibilità di costruire. Il fatto stesso di ritrovarsi insieme in tanti, credo sia un’occasione di incoraggiamento per le famiglie a mettersi insieme per sostenersi, per costruire comunità, relazioni. Partire dal fatto che siamo interconnessi, rendere “domestico il mondo” e pensarsi – come dice Amoris laetitia – “oltre i limiti della propria casa”.

Lei che accompagna, guida si trova in mezzo alla vita di tante famiglie cosa ha ricevuto come sacerdote dalle famiglie?

R. – Io ricevo continuamente la concretezza della vita, la possibilità di fare i conti con l’umanità, con i passi possibili e sicuramente la necessità della pazienza del tempo, di porsi a fianco come guida e, per ultimo, anche la possibilità di essere voluto bene così come sono.

Secondo lei è questo anche ciò che la Chiesa può ricevere dalle famiglie?

R. – Sì, indubbiamente. Il fatto di sentirsi abbracciati è indubbiamente un dono che le famiglie sanno dare, così come anche insegnare la pazienza dei tempi. Il famoso “il tempo è superiore allo spazio” credo che le famiglie possano insegnarlo alla Chiesa.

QUI L’ORIGINALE

Tags:
incontro mondiale famiglie
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni