Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Aprile |
San Giorgio
home iconFor Her
line break icon

Genova. Mamma insieme alla figlia sotto le macerie: “Non prendete me, salvate lei!” (VIDEO)

RepTv

Silvia Lucchetti - pubblicato il 17/08/18

Marina ha tenuto stretta la mano di sua figlia sotto le macerie ed è grazie a questo gesto di tenerezza e d'amore che i Vigili del Fuoco sono riusciti a salvare la ragazza

“C’è mia figlia Camilla, tiratela fuori!”

Questo è il grido disperato di mamma Marina sommersa dalle macerie insieme alla figlia dopo il crollo del ponte Morandi a Genova.

Così racconta la donna, il viso tumefatto e la voce rotta dal pianto, nel video:

“I Vigili del Fuoco parlavano con me e cercavano di tirarmi fuori dalle macerie, ma non vedevano mia figlia perché era tutta coperta: io continuavo a urlare di lasciar perdere me e di prendere lei”.




Leggi anche:
“Un boato come il terremoto”: le testimonianze dei superstiti dopo il crollo del ponte a Genova (VIDEO)

Mano nella mano

Marina Guagliata ricoverata presso l’ospedale Villa Scassi di Genova è una delle superstiti del terribile crollo di martedì scorso. Non ha memoria del momento dell’incidente ma ricorda soltanto il boato e poi sua figlia completamente sepolta dai detriti mentre lei aveva il busto libero. In quel tempo drammatico vissuto insieme alla sua Camilla, non ha mai smesso di tenerle la mano e di gridare disperata ai Vigili del Fuoco di aiutare prima la figlia.

“Sono riuscita a indicare ai soccorritori l’esatta posizione di mia figlia perché l’ho sempre tenuta per mano mentre era sotto alle macerie”.

Le donne sono ancora ricoverate ma il peggio è ormai passato.

L’amore delle madri compie piccoli ma grandi gesti che salvano la vita perché come dice il proverbio romanesco: “Chi c’ha mamma nun trema!”.


KATASTROFA W GENUI

Leggi anche:
Quel camion in bilico sul baratro che ci parla dell’Eterno

Tags:
figligenovamamma
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa sui cristiani “malati” di protagonismo: non d...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
5
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
6
PRIEST,ROMAN,COLLAR
Ary Waldir Ramos Díaz
Aveva un contratto con la Roma, ma ha preferito firmare con Dio
7
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni