Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Aleteia logo
home iconApprofondimenti
line break icon

“All’inizio è come vincere la lotteria”. Ecco come una setta cambia il tuo cervello

Facebook

L'ex modella Renee è rinata dopo essere uscita dall'incubo della psico-setta

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 16/08/18

I difetti vengono indicati uno per uno. L’insicurezza comincia a insinuarsi in te. «Poi arriva “l’occulto” o qualche altro tipo di forza oscura, magari “il diavolo”. Ogni volta che l’intuito ti dice di scappare, di allontanarti dalla Maestra, di allontanarti dal gruppo, ti viene detto che sono le forze occulte che cercano di portarti fuori strada, o il diavolo che cerca di farti cadere. Cominci a vedere tutti quelli fuori dal gruppo come nemici. Amici e famiglia diventano il nemico. Credi che “vogliono portarti fuori strada”, “non capiscono,” o “stanno cercando di rubare la tua energia”».

A questo punto, tutti i tuoi punti fermi sono scomparsi, la tua autostima è scomparsa, il tuo intuito è scomparso, la tua vita è scomparsa. E ti attacchi disperatamente all’unica cose in cui ora confidi: la tua guru.

La testimonianza di Alexandra

La scrittrice Alexandra Stein, si batte per far conoscere in tutto il mondo i pericoli delle psicosette. Per dieci anni, come spiegava vice.com (1 novembre 2017), Stein è stata membro di una setta politica di sinistra, The O. Quando è fuggita ha scritto un libro e una tesi di dottorato a riguardo, ed è diventata uno dei massimi esperti a livello accademico nel campo.

Quando aveva 18 anni si trasferì in America in cerca di avventura e attivismo. Li trovò—per un po’. Poi, racconta, arrivò Reagan e molti dei suoi compagni mollarono e si fecero un’altra vita, lasciandola sola con la sua passione politica. Aveva appena lasciato il ragazzo del tempo quando incontrò alcuni membri di The O., un gruppo marxista-leninista di Minneapolis.

Twitter

Il matrimonio combinato

L’attrassero con le loro promesse di dare vita a una rivoluzione di sinistra, e si appropriarono della sua vita. Il gruppo la isolò dai suoi amici e parenti, la fece sposare con una persona approvata da loro, le disse che fare figli era parte della sua missione, e la costrinse a lavorare in una panetteria otto ore al giorno. E quando smontava dal suo impiego a tempo pieno, proseguiva a lavorare come assemblatrice di computer (altro lavoro che le era stato comandato). Viveva in una “casa buia e nascosta di proprietà della setta” e credeva fermamente nella causa.

I due lavori la rendevano costantemente esausta, e Stein perse ogni altro legame fuori dalla setta. Anche se non capiva bene cosa c’entrassero la panificazione o i computer con la rivoluzione, non aveva le facoltà mentali o la forza di mettere in discussione quella che era tutta la sua vita.




Leggi anche:
Le sette non hanno sempre un’apparenza religiosa

“Persona di buona istruzione”

«Parliamo di sette criminogene – racconta Anna Maria Giannini, professore di Psicologia giuridica e forense alla Sapienza di Roma – Realtà che sfruttano le persone più fragili riducendole in schiavitù ed estorcendogli denaro». Difficile avanzare stime precise. Tra gruppi di natura spirituale, pseudoreligiosa e affini c’è chi parla di almeno 500 sette in tutta Italia. Per qualcuno sono molte di più. Ancora più difficile è ipotizzare il numero delle vittime. «Non esistono dati universali – continua Giannini – Sicuramente è un fenomeno molto più diffuso di quanto non si creda».

E così a cadere nella trappola sono i più insospettabili. «Non solo anziani e sprovveduti, quello che colpisce è la trasversalità delle vittime: persone di buona istruzione e di un discreto livello culturale. Quasi sempre provenienti dalle grandi città del Centro e del Nord Italia».

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
sette religiose
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
VENERABLE SANDRA SABATTINI
Gelsomino Del Guercio
Sandra Sabattini beata il 24 ottobre. Lo ha deciso Papa Francesco...
2
MARCELLO BELLETTI
Annalisa Teggi
Un padre, una madre e 7 figli. Non è follia ma sovrabbondanza
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
medjugorje
Gelsomino Del Guercio
Cosa sono i “segreti” di Medjugorje? Che messaggi nascondono?
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
POPE JOHN PAUL II
Paola Belletti
Wojtyla affrontò il problema della frigidità sessuale femminile
7
ANGELICA ABATE
Annalisa Teggi
Quando il miracolo non è la guarigione ma una voce innamorata del...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni