Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 02 Dicembre |
Blanca de Castilla
home iconChiesa
line break icon

Perché Papa Francesco ha deciso di cambiare il Padre Nostro

POPE FRANCIS

Antoine Mekary | ALETEIA | I.Media

Don Mauro Leonardi - Agi - pubblicato il 16/08/18

Da novembre anche in Italia cambieranno alcune frasi della preghiera forse più conosciuta. Da "non indurci in tentazione" si passerà a "non abbandonarci alla tentazione". Le ragioni di Bergoglio

Pare ormai certo che da novembre, anche in Italia, il Padre nostro cambierà. Da “non indurci in tentazione” si passerà a “non abbandonarci alla tentazione”.

In linea di massima è necessario ogni tanto cambiare le traduzioni: sia della Scrittura che delle preghiere più tradizionali. Questo perché il passare del tempo crea sensibilità nuove che richiedono parole nuove. Non sarebbe per nulla strano, per esempio, che dopo questo cambiamento ne seguano altri. L’espressione per esempio “rimetti a noi i nostri debiti” ormai non è di semplice lettura per la gente qualsiasi.

Nei paesi di lingua spagnola – e tra i primi a cambiare ci fu proprio l’Argentina – hanno da tempo introdotto “rimetti a noi le nostre colpe”, dal significato senz’altro più semplice e lineare. Anche l’inizio dell’Ave Maria andrebbe cambiato: “ave”, oggi come oggi, indica soltanto un richiamo al saluto romano e invece il significato originario, quello del vangelo, è “rallegrati”: l’arcangelo san Gabriele, all’inizio dell’Annunciazione, invita Maria a rallegrarsi per quanto le sta per dire.

A fronte di queste ragioni che spingono al cambiamento, il motivo per cui la Chiesa va con i piedi di piombo nel rinnovare formule che da decenni passano di padre in figlio (o, più spesso, da nonno a nipote) è che il Padre nostro e l’Ave Maria sono per molti, quasi le uniche preghiere davvero conosciute a memoria e spesso ripetute. C’è da valutare quindi, di volta in volta, se conviene rischiare di “perdere” le preghiere di quelle persone che frequentano poco le chiese e che si troveranno senza “le loro preghiere” probabilmente non facendo lo sforzo di imparare le piccole nuove variazioni.

Papa Francesco però, come per molti altri aspetti della vita cristiana, spinge verso questi ragionevoli cambiamenti. Nel caso concreto del Padre nostro, come accennavo, gioca a suo favore l’esperienza positiva del passare da “perdona nuestras duedas” a “perdona nuestras ofensas“: appunto, ha molto più senso pregare Dio di perdonare le offese che noi uomini gli facciamo, piuttosto che chiedergli di rimettere dei “debiti” che non si sa bene come e quando si sono contratti con Lui. Bergoglio ha assistito all’effetto positivo del cambiamento introdotto gradualmente: prima nei paesi dell’america latina e poi estesi anche a tutti i paesi di lingua spagnola.

Perché per tanto tempo si è pensato che andasse bene “non indurci in tentazione”? Perché c’è un senso, ormai andato in disuso della parola tentazione, che non è strettamente e radicalmente negativo. Quando una mamma incoraggia il bambino a muovere i primi passi verso il papà spinge il figlio a mettersi alla prova, a rischiare, accettando il rischio che cada. In questo senso lo “mette in tentazione”: è quell’incoraggiare a vivere, a sperimentare, a rischiare con ottimismo, che ogni buon genitore auspica per la propria prole.

Nella Bibbia ci sono molte situazioni in cui Dio mette alla prova con l’intento di far crescere: basti pensare al sacrifico di Isacco quando Dio, dice la Bibbia, “mise alla prova Abramo” (Gn 22,1). L’obiettivo di Dio non è sperare che Abramo cada e pecchi ma insegnare all’uomo, cioè ad Abramo, a donarsi a Dio.

Tutto ciò, di per sé, è bello e positivo ma, purtroppo, nel parlare comune questo senso positivo della “tentazione” è ormai oscuro: prevale il demoniaco “tentare” con l’obiettivo di far cadere, di far morire, di causare danno a qualcuno che si odia. Per questa ragione, mantenere nella situazione attuale la traduzione “non c’indurre in tentazione” non darebbe all’uomo d’oggi una corretta immagine di Dio, perché confonderebbe Dio con il seduttore. Il demonio nel paradiso terrestre tentò Adamo ed Eva perché voleva indurre la sua caduta, voleva il male dell’uomo, desiderava far soccombere i nostri progenitori. E tutto ciò niente ha a che vedere con le intenzioni di Dio. Per questo ben venga il cambiamento.

QUI L’ORIGINALE

Tags:
padre nostropapa francescopreghiera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PIAZZA SPAGNA
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco sceglie la prudenza, niente pi...
MESSA NATALE
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale in sicurezza, i vescovi itali...
Silvia Lucchetti
Remo Girone e la fede ritrovata dopo la malat...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni