Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
For Her

È morta Rita Borsellino, la sorella minore del giudice antimafia

BORSELLINO,MAFIA

Marcello Paternostro | AFP

Paola Belletti - pubblicato il 16/08/18

Ha lottato fino alla fine perché emergesse la verità sulla morte del fratello. Che ognuno cerchi la verità e la faccia emergere nel quotidiano; in questo lei ci credeva e per questo si batteva

Aveva 72 anni; ieri, 15 agosto, giornata dell’Assunta, è morta a Palermo nel reparto di terapia intensiva dove era ricoverata perché malata ormai da tempo. Rita Borsellino era la sorella più giovane del magistrato ucciso dalla mafia in insieme alla sua scorta nel ’92. La strage di Via D’Amelio spazzò via sei vite e ferì a morte una città e una Regione ancora sanguinanti per l’altra strage che spazzò via il giudice e amico di Borsellino, Giovanni Falcone; lui pure accompagnato nella voragine da altri innocenti, la moglie e tra agenti della scorta. Sapeva che la decisione di essere eliminato era stata presa e che non vi sarebbe sfuggito. Eppure non era fatalista e razionalmente metteva in atto tutto ciò che poteva tutelare la sua e le altre vite in pericolo a causa sua. Il capo del Pool antimafia dal 1984 al 1990 è un altro dei campioni nella lotta contro la criminalità organizzata. E’ morto nel 2002, acclamato e celebrato come eroe. Anche lui aspettava la verità:

Paolo, pochi giorni prima di essere ucciso, durante un incontro organizzato dalla rivista MicroMega, così come in un’intervista televisiva con Lamberto Sposini, Borsellino aveva parlato della sua condizione di “condannato a morte”. Sapeva di essere nel mirino di Cosa Nostra e sapeva che difficilmente la mafia si lascia scappare le sue vittime designate. Antonino Caponnetto, che subito dopo la strage aveva detto, sconfortato, “Tutto è finito…“, intervistato anni dopo da Gianni Minà ricordò che “Paolo aveva chiesto alla questura – già venti giorni prima dell’attentato – di disporre la rimozione dei veicoli nella zona antistante l’abitazione della madre. Ma la domanda era rimasta inevasa. Ancora oggi aspetto di sapere chi fosse il funzionario responsabile della sicurezza di Paolo, se si sia proceduto disciplinarmente nei suoi confronti e con quali conseguenze[44]. (Wikipedia)


BORSELLINO FALCONE CAPONNETTO

Leggi anche:
Si chiamava Paolo Borsellino. La fede di un uomo giusto

La signora Rita si è battuta con coraggio e strategia anche in campo politico. Prima dei social network rese virale una campagna elettorale che coinvolse ed entsiasmò tanti giovani. Era il “lontano” 2006 e sui telefonini giravano al massimo degli sms: uno diventò virale ma forse non si diceva ancora: Curriti, curriti, cu’Rita.

Era tipo il suono di un tamburo. Una specie di chiamata alle armi laica che nella primavera di dodici anni fa attraversava l’Italia comparendo sui cellulari di tutti i maggiorenni nati in Sicilia. E che in Sicilia tornarono: alcuni per qualche giorno, altri per tutta la campagna elettorale. Molti arrivarono con un treno speciale ribattezzato sempre con il suo nome: Rita Express, si chiamava. Quel treno ha creato la prima generazione di siciliani consapevoli del post stragi, ma questo all’epoca nessuno poteva prevederlo. (Il Fatto quotidiano)

Non vinse, allora ma procurò al corpo sofferente della società civile siciliana una iniezione corroborante; di quelle che quanto più bruciano tanto più fanno bene. Non piaceva alle forze politiche del centrosinistra ma a molti di quelli che il centrosinistra lo votavano sì. Non abbastanza, quella volta e in parecchi, la sera della sconfitta, piansero.




Leggi anche:
La messa, l’Eucaristia, le confessioni: così Paolo Borsellino viveva la sua fede

Si impegnò nell’associazione Libera, girò scuole e istituti, chiese sempre la verità. Aveva tre figli, il marito è morto qualche mese fa, in febbraio. Ora è toccato a lei. La verità esiste, la Verità si incontra. Preghiamo che Giustizia e Misericordia l’abbiamo trovata pronta. Preghiamo per un’anima che è valsa il Sangue di Cristo; in fondo lei ha visto e pianto per il sangue di un fratello maggiore morto per la giustizia. Forse, allora, era pronta?

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
antimafiapaolo borsellino
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni