Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Addio Aretha Franklin. Commosse il Papa dedicandogli un bellissimo gospel (VIDEO)

Wikipedia
Condividi

La celebre regina del soul è morta per un cancro. Nel 2015 aveva cantato per Papa Francesco a Philadelphia

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

È morta Aretha Franklin, la signora del soul. Una delle voci più belle, innovative e amate nella storia della musica contemporanea, vera icona di emancipazione femminile tramite le sette note, aveva annunciato l’addio ai concerti già nel febbraio 2017: e il successivo rinvio del suo previsto album di commiato (prodotto da Stevie Wonder, aveva dichiarato) che avrebbe dovuto uscire mesi orsono e invece non ha ancora visto la luce, aveva fatto presagire il peggio a molti sulla recidiva del cancro che l’aveva colpita nel 2010 (Avvenire, 16 agosto).

Quel canto per il Papa

Durante il viaggio Apostolico di Papa Francesco negli Stati Uniti del settembre 2015 nell’incontro con le famiglie cristiane a Philadelphia l’artista dedicò al Pontefice un gospel (La Stampa, 14 agosto).

L’ultima grande erede del jazz & soul

Icona riconosciuta della cultura afroamericana, con una forte personalità e un carattere non sempre facile, ma soprattutto artista dalla voce sublime, era nata a Memphis il 25 marzo 1942. La sua ultima esibizione è stata lo scorso novembre a New York al gala della fondazione di Elton John per la lotta all’Aids. Il suo ultimo concerto, invece, risale al giugno 2017 mentre nel 2009 aveva cantato per l’insediamento di Barack Obama alla Casa Bianca rifiutandosi, invece, di farlo quando è stata la volta di Donald Trump.

Non si può dire di conoscere la storia del Novecento se non si è mai ascoltata la voce di Aretha Franklin. Anzi, se ci è consentito dirlo, non si è vissuto pienamente se non si è ascoltata, almeno una volta, la voce di Aretha Franklin. È possibile immaginare una vita senza Natural Woman, o I Say a Little Prayer, o pensare alla liberazione delle donne senza Respect, o sognare l’amore senza I Never Loved a Man (The Way I Love You)? No, Aretha Franklin è stata la voce femminile del Novecento, al pari di Frank Sinatra, è stata la più grande interprete che abbia mai calcato un palcoscenico e le sue canzoni hanno segnato stagioni, epoche, hanno segnato in maniera indelebile la Storia, senza se e senza ma (La Repubblica, 16 agosto)

La preghiera nella chiesa del Padre-Pastore

Ieri un gruppo di supporters dell’artista si era riunito in preghiera per lo stato di salute della cantante, presso la New Bethel Baptist Church di Detroit. Nella chiesa battista dove aveva prestato servizio come pastore il padre della cantante, Clarence LaVaughn Franklin, scomparso nel 1984 all’età di 69 anni, sono accorse 75 persone, 10 ministri e diaconi di altre Chiese (Aska News, 15 agosto).

CLICCA QUI SOTTO PER LA GALLERY SU ARETHA FRANKLIN

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.