Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Moscardin
Aleteia logo
home iconFor Her
line break icon

«Lei, signor Montanelli, violentò una bambina di 12 anni?» chiese Elvira Banotti

MONTANELLI,BANOTTI

[Montanelli] Public Domain | [Banotti] Fair Use

Annalisa Teggi - pubblicato il 16/08/18

Ecco, il re è nudo e qui casca l’asino. Cioè: la capacità critica di una persona (peraltro intelligentissima) dimostra, per comodità personale, di nascondersi dietro un paravento.
Il castello di sabbia cade rovinosamente. Il colonialismo, di questo si parla nel caso dell’Italia in Africa, non dovrebbe essere, da ipotesi, l’introduzione dei principi civili, umani, sociali del colonialista nella terra conquistata? Stranamente in materia sessuale, in questo caso il colonialista diventa prono alle abitudini del luogo, ben sapendo che quel matrimonio comprato non avrà nessuna validità nella sua terra natia, l’Italia, in quando illegale per la minore età della sposa. Si trattava del cosiddetto madamato, condannato pure dalle leggi razziali di Mussolini.

MADRE, AFRICANA, BAMBINO
Shutterstock

Il benefattore italiano che a 23 anni «ha bisogno di una donna», anziché portare nel continente africano la voce morale del suo paese in materia di dignità umana e femminile, si strofina le mani e accoglie le tradizioni del luogo che gli porgono su un vassoio d’argento una bambina di 12 anni, «animalino docile».

Per un uomo come Montanelli, definitosi «condannato al giornalismo», è una momentanea fuga nel mondo della menzogna: la ragione che analizza con lucidità i dati del reale sa di essersi nascosta dietro il comodo paravento di una bugia. Se il «in Abissinia funziona così» viene applicato al caso delle nozze, perché in mille altri contesti il colonialista ha poi frantumato la tradizione locale per imporre i suoi dettami?

La posizione del missionario

Qui una voragine separa il colonialista dal missionario. E basta a dimostrarlo proprio quella posizione sessuale che noi chiamiamo del «missionario». Una donna va guardata in faccia. Un essere umano non è un oggetto, ma parte di una relazione.

UOMO, DONNA, RAZZE
Shutterstock

Questo è lo sguardo sacrale di bene che i cattolici hanno portato ai confini del mondo, anche in Africa. Ed è una misura umana che, dal sesso, si allarga a ogni briciolo di convivenza civile. Il tornaconto, il piacere, l’uso e consumo, l’abuso e la violenza possono essere le fondamenta di un paese. Ma che tipo di città nuova si costruisce mettendo al centro una visione che ama il destino buono di ciascuno come pilastro del bene comune?


AFRICAN GIRL

Leggi anche:
La fatica di nascere donna in Africa e quello che si può fare davvero per aiutare

Questo vale in ogni circostanza della vita. Montanelli sono io, molte volte. Posso scegliere di non guardare in faccia chi ho di fronte e farne l’oggetto del mio arbitrio utilitarista; il punto di arrivo sarà un di meno anche per me, cioè un momentanea soddisfazione e una prolungata profonda insoddisfazione. Tutto cambia quando l’amore è «guardare in faccia» l’altra persona: non possono aggirare la domanda “Chi sei?”.

Non posso far finta che dietro quegli occhi ci sia un’anima, con tutta la grande dignità che ne consegue e i desideri di pienezza a cui aspira. Ma è in gioco pure la mia dignità. Se lei è un «animalino docile» pure io – che sto con lei – sono «animale», predatore. È un autoritratto involontario quello che scappò di bocca all’esimio Indro; e, per dovere di cronaca, in fondo alla sua coscienza lui lo sapeva bene.

  • 1
  • 2
Tags:
africafemminismoviolenza sessuale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
5
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
CONFESSION, PRIEST, WOMAN
Gelsomino Del Guercio
Segreto, psicologo e assoluzione: 3 consigli per una corretta Con...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni