Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nicole Orlando, una donna che merita la nostra riconoscenza. E non solo per le medaglie!

NICOLE ORLANDO
Condividi

La ormai famosa atleta paralimpica originaria di Biella è stata nominata persino dal presidente della Repubblica come esempio di persona positiva. E’ vero lo è e lo sarebbe anche se non avesse vinto tutte quelle gare…In bocca al lupo di cuore, bella ragazza piena di coraggio!

In questi mesi è impegnata ad allenarsi in vista di un appuntamento sportivo di grande rilievo, leggiamo su La Stampa:

Tre anni dopo aver riscritto la storia dell’atletica Fisdir, Nicole Orlando tornerà in pista nel Mondiali Iaads: l’altro giorno la portacolori del Team Ability La Marmora ha ricevuto la convocazione azzurra per prendere parte alla rassegna planetaria riservata ad atleti con sindrome di Down, quest’anno in agenda dal 1° all’8 ottobre sull’isola di Madeira (Portogallo).  Nicole questa volta non sarà da sola, dato che tra le cinque atlete femmine convocate dalla Fisdir ci sarà anche la compagna di società Chiara Zeni, che sta mostrando nel corso di questa stagione continui passi in avanti.

Non so, provo una certa resistenza ad accodarmi agli entusiasmi quasi urlati o all’imbarazzo a volte mal dissimulato che alcuni interlocutori mostrano nel relazionarsi con Nicole (bravissima invece Lucia Ascione: trova sempre il registro giusto all’insegna del rispetto vero, di un calore percettibile anche oltre lo schermo e la sensazione che, sebbene sia il suo mestiere, viva sempre la novità dell’incontro con l’altro); pare che si affrettino a mostrare disinvoltura, a far sembrare tutto normale e quotidiano. Invece Nicole è una sopravvissuta, stando ai dati, un’eccezione; per quanto ancora più diffusa in Italia che nello pseudo progredito Nord Europa.

Meglio quasi arrivare in ritardo oppure in anticipo sulle future speriamo imminenti vittorie della nostra atleta piemontese, allora. Così possiamo dire quel che conta sempre, sulla cresta dell’onda emotiva e non.

E siccome ha ragione il Presidente Mattarella, cioè che Nicole è degna della nostra condivisa e commossa riconoscenza (e solo marginalmente per il fatto che riesca nello sport; ma davvero Dio renda merito ai suoi tenaci genitori, agli entusiasti fedeli fratelli e amici, agli allenatori!) allora diciamo senza colpevoli timidezze che ognuno ha diritto di nascere e chi si prodiga per impedirlo sottrae al mondo intero una possibilità di bellezza quasi infinita.

In bocca al lupo alle atlete che competeranno ai Mondiali Iaads a Madeira e anche alla vecchia Europa non del tutto inacidita. Perché si faccia contagiare da queste vite e dalla loro gioia.

 

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni