Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nicole Orlando, una donna che merita la nostra riconoscenza. E non solo per le medaglie!

NICOLE ORLANDO
Condividi

La ormai famosa atleta paralimpica originaria di Biella è stata nominata persino dal presidente della Repubblica come esempio di persona positiva. E’ vero lo è e lo sarebbe anche se non avesse vinto tutte quelle gare…In bocca al lupo di cuore, bella ragazza piena di coraggio!

Le piace tanto lo sport, ne ha provati tanti e in alcuni eccelle. Lo dimostrano i podi e le medaglie e le tante ospitate a corredo di questa sua luminosa carriera sportiva. E’ figlia d’arte, la mamma giocava a pallacanestro e il papà è un ex-calciatore. In piscina ci è entrata a un anno, ha praticato anche ginnastica ritmica fino a che l’atletica leggera è diventata la vera passione insieme con il nuoto.

Lei è Nicole Orlando e le piace stare con la mamma, il papà, i fratelli e il nonno. La nonna le manca tantissimo, è morta ma la capisce ancora, dice.  L’atleta paralimpica di Biella più famosa d’Italia è questa ragazza bionda, femminile e graziosa.

Alla sua nascita i genitori vengono informati che ha la sindrome di Down e, dice un medico, in forma particolarmente grave. Il papà chiede se non si possa fare nulla, se non ci siano interventi chirurgici da praticare, magari. Pare di no, che non ce ne fossero. Per questo avrà forse pensato di chiedere un altro tipo di intervento. Si reca al Santuario della Madonna di Oropa, al quale la famiglia è molto devota, e affida a Lei la sua bambina.

Leggi anche: Una mamma e la figlia con sindrome di down si laureano lo stesso giorno: congratulazioni dottoresse!

Così racconta Lucia Ascione nel salotto accogliente del mattino di TV2000 e aggiungendo i fatti al racconto di Nicole che invece diceva “solo” che il suo papà è eccezionale, forte e sempre lì al suo fianco anzi, a giudicare dai gesti, proprio dentro al suo cuore.

Nicole è una giovane donna, ormai, ha 24 anni; è nata e vive a Biella dove si allena per la società sportiva  o meglio il Team Ability La Marmora. Che sia donna e di successo anche un po’ come lo intende il mondo lo sappiamo ormai in tantissimi. Fu proprio il Presidente Sergio Mattarella a nominarla nel suo discorso di fine anno del 2015 insieme con una scienziata e un’astronauta:

L’Italia è ricca di persone e di esperienze positive. A tutte loro deve andare il nostro grazie. Sono ben rappresentate da alcune figure emblematiche come Fabiola Gianotti che assumerà la direzione del Cern di Ginevra, Samantha Cristoforetti che abbiamo seguito con affetto nello spazio, Nicole Orlando, l’atleta paralimpica che ha vinto quattro medaglie d’oro.

Nominando loro rivolgo un pensiero di riconoscenza a tutte le donne italiane. (Discorso Presidente Mattarella dicembre 2015)

Da allora la vita di Nicole si è infittita ancora di più di inviti e ospitate; persino Ballando con le stelle l’ha vista volteggiare sulla sua pista insieme con Stefano Oradei (costretto, come gli altri partner maschili a danzare su improbabili stiletti. Ma a forza di insistere ci faranno digerire pure gli uomini col tacco a spillo?). Ha incontrato Papa Francesco al quale racconta di aver dato un energico incoraggiamento:

Papa Francesco, continua così, il tuo lavoro spacca!!

E’ scritto proprio così sul retro della foto che ha regalato al Santo Padre al quale ha consegnato anche un morbido peluche, quello famoso che l’atleta alzava al cielo mentre era sul podio.

Al cielo Nicole pensa sempre, spesso, ogni volta insomma che le chiedono qualcosa di decisivo per la sua vita e lei può nominare la sua nonna; a lei dedica le vittorie e le serate e forse a lei deve quella carica che esprime con trasparente ostinazione nel divieto a non mollare mai, a non arrendersi. Ne ha fatto anche un libro che si intitola Vietato dire non ce la faccio, che è ancora più intelligente come motto: non auto sabotarti significa, non impedirti di provarci, anche perché che tu ce la faccia o meno nel frattempo è altamente probabile che tu ti diverta!

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.