Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giovanni Battista
home iconFor Her
line break icon

“Se non do io a mia figlia la dignità che le spetta come essere umano, in questo mondo di morte chi gliela darà?”

Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 14/08/18

Quando Claudia scopre che la bambina che porta in grembo è senza reni decide di abortire. 9 anni dopo è di nuovo incinta di un'altra figlia con la stessa malformazione e sceglie di metterla al mondo, amarla e accompagnarla poco dopo alla sua nascita al Cielo.

Quando una mamma in dolce attesa riceve una diagnosi infausta sulla salute del suo bambino vive un trauma terribile. Ogni donna fin dal primo istante della gravidanza sente di dover proteggere la creatura che Dio le ha affidato e all’udire le tremende parole “Signora c’è qualcosa che non va” nasce la paura.

Quanto vivrà? Come starà? Soffrirà?

Spesso queste domande non hanno la forza di lasciarsi abbracciare dal mistero della vita e della sofferenza e si fanno ingannare dal mondo che dice che il dolore non ha senso e che quindi sei cattivo ed egoista se dai alla luce un figlio che poco dopo morirà. E così molte coppie scelgono di abortire convinte di compiere così un gesto d’amore nei confronti della loro creatura. Perché spesso il personale ospedaliero presenta l’aborto terapeutico come unica soluzione, quando di unico c’è solo il bambino. Piccolo. Prezioso. Indifeso. L’aborto non è mai la soluzione, mai. Ce lo insegnano le storie di Titti, Imma, Agnese, Francesca. Mamme che hanno scelto di accogliere e accompagnare i loro figli nel tempo breve ma pieno d’amore della loro vita.




Leggi anche:
I 5 giorni (pieni) di vita di Martamaria

Ho pensato ai loro volti leggendo la storia di Claudia che condividiamo oggi anche con voi. Il dolore di porre fine ad una gravidanza genera traumi enormi e dolorosissimi. Si parla sempre poco della sindrome post-abortiva mentre le donne dovrebbero essere ben informate e sostenute sul serio quando scoprono che il figlio che portano in grembo ha una malformazione che lo porterà a morire poco dopo la nascita. Questo avviene nella Comfort Care, un percorso di accompagnamento per le famiglie in attesa di un figlio a cui viene diagnosticata una condizione del nascituro assolutamente incompatibile con la sopravvivenza.




Leggi anche:
Due parole sull’aborto

Ecco la storia di dolore e amore di mamma Claudia che ha incontrato il professore Giuseppe Noia, Dirigente Medico Ostetricia e Patologia Ostetrica del Policlinico Gemelli di Roma, in due momenti cruciali della sua vita. Cruciale è l’aggettivo giusto perché richiama la croce. La prima volta Claudia prese purtroppo una decisione che pagò cara sulla sua pelle, ma quel dolore che l’ha consumata a lungo ha permesso anche che il suo cuore cambiasse. Infatti dopo 9 anni di fronte alla stessa situazione Claudia scelse di accogliere sua figlia, di darle la dignità che merita ciascun essere umano, di metterla al mondo e di accompagnarla poco dopo, grazie al sostegno del dottor Noia, alla sua nascita al Cielo.

Leggete nel post qui sotto la sua testimonianza.

Tags:
aborto terapeutico
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
5
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
6
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni