Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

“Ammazza il feto” è un videogioco, in Argentina. La legge che vieta l’aborto, un fatto

DOOM BABY FETUS
Doom Baby Fetus
Condividi

La legge per la legalizzazione dell'aborto fino alla 14° settimana al voto ieri al Senato argentino è stata respinta! Hanno vinto i fazzoletti azzurri. A questo punto anche il rilascio dell'orrido videogame la cui mission è sconfiggere preti e suore e ammazzare un feto gigante perde molta della sua ferocia ma mantiene inalterato l'orrore

Il tema è la legalizzazione dell’aborto in Argentina. Sfacciatamente favorita dai media e fortemente voluta dal fronte abortista o pro choice che dir si voglia. Ma non abbastanza fortemente a quanto pare! Sì, quello che si sperava accadesse in Irlanda a maggio di quest’anno o in Italia nel lontano ormai 1978 è successo davvero in Argentina.

La legalizzazione dell’aborto è stata storicamente respinta da 38 deputati contro 31, preferendo salvare “entrambe le vite” -secondo lo slogan dei pro-life argentini (…) (UCCR)

Non ne parlano ancora i media che speravano in tutt’altro esito e anzi nelle immagini dei servizi sul voto continua a prevalere lo sventolio dei fazzoletti verdi, quelli dei pro aborto, quelli che sono riusciti con l’inganno a rifilarne uno anche al Papa. Eppure è stata proprio la chiesa argentina, con la sua Conferenza Episcopale, che attingendo a piene mani alle parole di Papa Francesco, celebrando messe e mantenendo compatto il fronte del no all’aborto ha permesso la vittoria del sì alle vite, tutte e due, madre e figlio. Ha difeso “gli scartati”, secondo un’espressione inconfondibilmente bergogliana.

Alla luce di questa notizia allora la vicenda del videogame Doom Fetito ha un sapore diverso, sebbene pur sempre acre e disgustoso.

La causa dell’aborto non poteva conoscere frontiere, avrà pensato Florencia Rumpel, l’attivista argentina che ha rilasciato a metà luglio scorso il videogame programmato da autodidatta scaricabile per Windows, macOS e Linux, sbarcando così anche nella realtà virtuale (non delle più evolute ma perdoniamoglielo, è tanto volenterosa ma pur sempre una non professionista della programmazione).

Racconta con un entusiasmo che non vuole celare che è stata ispirata dal movimento pro-life e in particolare da una grande sagoma di cartone che rappresentava un feto di 20 settimane portata a braccia lungo uno dei tanti e affollati cortei (e quanti potranno mai essere questi invasati di cattolici?).

E’ vero le è parso strano vedere questa scena però grazie pro-life, siete davvero inspiring people. Ecco allora il frutto di tanto zelo:

“Doom Baby Fetus” appartiene al genere dei videogiochi DOOM, quelli tipo”sparatutto” con la visuale del giocatore in prima persona. Doom significa proprio condanna e ammazza, fai fuori.

Sulla pagina dedicata la Rumpel così spiega il contest (traduzione google translate)

Contesto per i giocatori internazionali

Al momento l’aborto è un’area legale grigia in Argentina. Gli aborti possono essere eseguiti solo se la gravidanza può danneggiare la salute del genitore o in caso di stupro. Se sei incinta in Argentina e desideri abortire, rischi di affrontare il carcere.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni