Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Signore, salvami!”: il grido profondo che nasce dalla nostra debolezza

Condividi

Il Bene vince anche sulla nostra incredulità

[Dopo che la folla ebbe mangiato], subito Gesù costrinse i discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull’altra riva, mentre egli avrebbe congedato la folla.
Congedata la folla, salì sul monte, solo, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava ancora solo lassù.
La barca intanto distava gia qualche miglio da terra ed era agitata dalle onde, a causa del vento contrario.
Verso la fine della notte egli venne verso di loro camminando sul mare.
I discepoli, a vederlo camminare sul mare, furono turbati e dissero: «E’ un fantasma» e si misero a gridare dalla paura.
Ma subito Gesù parlò loro: «Coraggio, sono io, non abbiate paura».
Pietro gli disse: «Signore, se sei tu, comanda che io venga da te sulle acque».
Ed egli disse: «Vieni!». Pietro, scendendo dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù.
Ma per la violenza del vento, s’impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: «Signore, salvami!».
E subito Gesù stese la mano, lo afferrò e gli disse: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?».
Appena saliti sulla barca, il vento cessò.
Quelli che erano sulla barca gli si prostrarono davanti, esclamando: «Tu sei veramente il Figlio di Dio!».
Compiuta la traversata, approdarono a Genèsaret.
E la gente del luogo, riconosciuto Gesù, diffuse la notizia in tutta la regione; gli portarono tutti i malati,
e lo pregavano di poter toccare almeno l’orlo del suo mantello. E quanti lo toccavano guarivano.  (Matteo 14,22-36)

Credo che anche noi avremmo avuto la stessa reazione dei discepoli nel Vangelo di oggi, vedendo ad un tratto Gesù camminare sulle acque: “Sul finire della notte egli andò verso di loro camminando sul mare. Vedendolo camminare sul mare, i discepoli furono sconvolti e dissero: “È un fantasma!” e gridarono dalla paura”. Eppure erano nel bel mezzo di una tempesta e la venuta di Gesù avrebbe dovuto rassicurarli. Come mai invece si spaventano? Mi piacerebbe usare questa immagine e questi stati d’animo per ricordare un po’ a tutti noi il fatto che siamo più allenati ad avere a che fare con le tempeste che con la potenza di Dio. Il male ci stanca, il bene invece ci spaventa. E non è difficile accorgerci che questa cosa è vera. Infatti non di rado quando ci capitano delle cose belle o dei periodi sereni, subito nasce dentro di noi il dubbio che non sia del tutto vero quello che ci sta accadendo e che da un momento all’altro scopriremo la batosta nascosta dietro quell’apparente bene. Appunto trattiamo il bene come un “fantasma”: invece di rassicurarci ci spaventa. Eppure quel bene, che il Vangelo di oggi ci dice essere Gesù stesso, ci rassicura: “Coraggio, sono io, non abbiate paura!”. Ma non è facile credergli. Pietro rischia di affogare perché non si fida fino in fondo. Infatti proprio nel momento in cui comincia anch’egli a camminare sulle acque, perde fiducia in Gesù è dà fiducia alla tempesta. Quando non ci si fida di Dio ci si fida di ciò che ci capita. Si comincia a trarre conclusioni a partire proprio dagli eventi della nostra vita. E se uno pensa di valere in base a ciò che gli è successo, è logico che affoga. Noi siamo sempre molto di più delle tempeste che abbiamo vissuto e che viviamo. E quando sembrano avere la meglio è li che scopriamo la preghiera come il grido più profondo che nasce dalla nostra debolezza: “Signore salvami”. Ma è il bene a vincere, anche sulla nostra sfiducia o incredulità: “Appena saliti sulla barca, il vento cessò”. Quindi coraggio! (Mt 14,22-36)

#dalvangelodioggi

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.