Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 30 Novembre |
Sant'Andrea
home iconNews
line break icon

Proibite le gonne in alcune scuole inglesi, offendono gli alunni transessuali

GONNA COLLEGE SCUOLA

Shutterstock/ New Africa

Unione Cristiani Cattolici Razionali - pubblicato il 05/08/18

di Carla Vanni

Nel Regno Unito, quasi cinquanta scuole hanno vietato alle ragazze di indossare le gonne: solo pantaloni, che risultano più inclusivi per gli studenti transgender.

Addirittura, alla Copleston High School sono state definite “indumenti inaccettabili”, a cui andranno preferiti “pantaloni  grigi e semplici”. Lo scopo è «rimuovere tutti i riferimenti al genere»ha affermato il preside della scuola primaria di Parson Street a Bristol, «perché dovremmo definire i nostri figli con i vestiti che indossano?»Educate & Celebrate è una delle organizzazioni LGBT che ha sponsorizzato la censura delle gonne«Stiamo semplicemente assicurando che tutti gli studenti siano rappresentati, compresi i giovani che non si identificano come maschi o femmine».

Non voglio nemmeno ipotizzare se fosse stata una scuola cattolica ad imporre i pantaloni grigi alle alunne: “repressivi, soffocanti, colpevolizzanti, riduttivi della creatività femminile, bigotti, sessuofobi, medioevali”… quante ancora ne avrebbero vomitate i media di tutto il mondo? Invece, se ad imporlo sono le laicissime scuole del Regno Unito, tutti dicono che una  nuova luce si è accesa all’orizzonte. Quante sono le libertà che si seppelliscono prendendo per verità ogni capriccio? Quante tangenti senza uscita si imboccano investendo e lasciando a terra la realtà delle cose?

Se la discesa verso il precipizio viene indicata come la strada maestra, bisognerebbe percorrere tutto il tragitto ed avere il coraggio di saltare di sotto.  Ma gli ideologi da sartoria, i teorici del prèt à porter senza sesso non hanno alcun ardimento: se ne stanno là, senza andare a vedere cosa provochi la loro menzogna. Non hanno calcolato alcune conseguenze che fanno saltare il banco dell’inclusività: e se i transgender da maschio a femmina si sentissero discriminati senza la gonna? Li obblighiamo a rimettersi i pantaloni, per di più “grigi e semplici” che di femminile hanno zero? E come si sarebbe trovato il Signor Vladimiro Guadagno, che si vanta delle sue gambe ed esige di metterle in mostra (ndr: parole sue)?

E’ dal 1968 che le femministe, non su richiesta di noi donne, ci mostrano la loro biancheria ed il ben noto gesto di emancipazione…per poi arrivare a farsi imporre i pantaloni “grigi e semplici”? Per farsi rappresentare ai concorsi di bellezza dai trans o per cedere loro il posto? Per essere costrette -in nome del politicamente corretto- sfidare atleticamente trans con lo scheletro maschile più robusto, le leve più lunghe, la maggiore capacità respiratoria, la minore propensione all’accumulo di grasso, la massa muscolare più sviluppata e sviluppabile? Le femmine hanno i diritti, ma i transgender hanno diritti che sono ancora più diritti dei diritti delle femmine?

Ci dicono che fare figli è limitazione delle nostre aspettative professionali, che abortire è un diritto umano, che spogliarsi in pubblico è libertà, che il “femminicidio” rende più atroce l’omicidio, che lavorare fuori e dentro casa è emancipazione…ci mancava pure di metterci i pantaloni grigi, please, così i trans non si sentono esclusi. In fondo al fosso c’è sempre un fondo, ancora più in fondo.

Da certi corti circuiti non si esce vivi, sempre che i presidi British lo siano ancora. Questi dirigenti delle scuole della Regina mostrano di vivere in una dimensione fumosa, ottusa, che nulla contempla di reale, di vivo, di bello ed impongono la loro imbarazzante realtà. Sparita la nebbia dai cieli di Londra, è finita tutta nel loro cranio.

E voi, care signore femministe, se dopo tanta lotta e tanto impegno siete arrivate a farvi surclassare dal testosterone che vuol sembrare progesterone, avanti tutta e magari fra altri sessantanni saprete dire di no almeno ad un’insensata divisa scolastica.

Articolo tratto da Unione Cristiani Cattolici Razionali

Tags:
scuolatransessuale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
Philip Kosloski
A cosa somiglia davvero il Paradiso secondo s...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni