Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 06 Maggio |
San Nunzio Sulprizio
home iconStile di vita
line break icon

Lettera a un ragazzo che arriva a convincersi di essere omosessuale

Catholic Link - pubblicato il 03/08/18

"Caro Simon, avevi altre opzioni per decidere cosa fare della tua sessualità"

di Ignacio Romero

All’inizio dell’anno, nella maggior parte dei Paesi a marzo, è uscito nei cinema Love, Simon, un film che mi sembra importante commentare. Racconta la storia di un adolescente della classe media che vivendo nel mondo di oggi inizia a convincersi di essere omosessuale e finisce per crederlo.

Influenzato dagli amici, dalle esperienza e dalla società che lo circonda, Simon si costruisce un’immagine relativa a quello che è in realtà. Narrata partendo da un’e-mail che egli stesso ha scritto, il film immerge lo spettatore nella vita di Simon, permettendogli di conoscere dettagliatamente i pensieri, i ragionamenti e le esperienze di qualsiasi adolescente.




Leggi anche:
Il cardinale Sarah spiega come i cattolici possono accogliere gli omosessuali

Simon, mi è venuto in mente di rispondere alla tua e-mail con qualche punto per chiarire la questione e farti sapere con molto affetto che avevi altre opzioni:

Caro Simon,

volevo dirti che ho visto il film che racconta la tua storia e sono rimasto un po’ deluso. Non (tanto) da te, quanto piuttosto dai tuoi genitori e dai tuoi amici, che ti hanno spinto a pensare come fai nel film. Le conclusioni che trai, incitato dalle persone che ti circondano, avrebbero potuto essere diverse se avessi interpellato altre persone.

Permettimi di iniziare dalla parte in cui sei uscito con una ragazza. Ti ha detto che ti amava e sei entrato in panico. Ovvio! Avevi 15 anni! Come potevi dire a una ragazza che la amavi? Ridicolo! Capisco la tua reazione, ma la tua interpretazione dei fatti avrebbe potuto essere diversa. Ad esempio, avresti potuto pensare che la ragazza era pazza o estremamente immatura, o che non misurava le sue parole. E invece no, ti sei affrettato a pensare “Dev’essere perché non mi piacciono le donne”. Se ti basi su quell’esperienza per definire la tua sessualità abbiamo un bel problema. Non puoi generalizzare sulla base dell’esperienza che hai avuto con una o due donne durante la tua adolescenza.

Se la gente leggesse questa e-mail che ti sto scrivendo mi direbbe che non ho capito la tua storia, che sto traendo conclusioni affrettate. Mi direbbe che forse la tua è una questione di gusti, che in realtà la tua inclinazione era onesta e sincera. Chiederei loro: “E se dall’altro lato dello schermo ci fosse stata una ragazza?”

Nel film hai detto che ti eri innamorato della persona che scriveva, non dell’uomo. Hai mai pensato cosa sarebbe successo se Blue fosse stato in realtà Leah? Ne saresti stato ugualmente innamorato? O visto che era donna l’avresti scartata come possibile compagna per quello che credevi che ti definisse? La gente risponderebbe: “Ma ama il ragazzo. Perché non può scegliere un ragazzo anziché una ragazza?” Questo mi farebbe sostenere che l’omosessualità sia una scelta e che, consigliato meglio, forse avresti scelto di essere eterosessuale.

Un’altra cosa che vorrei sottolineare è la scena in cui Bram è in una stanza e bacia una ragazza, situazione che in seguito descrive come “confusione”. Perché? Era il suo ultimo grido disperato per essere quello che la sua biologia voleva che fosse? Se è stata confusione, come la chiama lui, ciò vuol dire che in entrambi i casi si poteva scegliere di essere o meno omosessuali. La situazione non fa altro che ribadire la mia idea per la quale l’omosessualità è una scelta e la tua storia avrebbe potuto essere diversa.

Con affetto,
Nacho




Leggi anche:
Omosessuale e cattolico: “La Chiesa ha ragione, quando chiede la castità”

QUI L’ORIGINALE

Tags:
adolescentifilmletteraomosessualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
2
Best of Web
Muore per 20 minuti, si sveglia all’improvviso e racconta d...
3
Gelsomino Del Guercio
Mese mariano: ogni sera una preghiera alla Madonna con Papa Franc...
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Gaudium Press
Sapevi che la fede nuziale può avere la forza di un esorcismo?
6
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
Per la prima volta Medjugorje entra in un’iniziativa di pre...
7
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni