Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Mi sono scoperto padre, figlio e uomo grazie a mia moglie

UOMO, DONNA, GRAVIDANZA
Shutterstock
Condividi

Di fronte all'evento che è la nascita di un figlio la virilità di un uomo viene spiazzata, messa a nudo e vissuta in pienezza - racconta Moreno

Sbagliamo a credere che il bello sia un artefatto per il quale la donna deve lottare costantemente o soffrire, ed è il messaggio che una donna in gravidanza manda a noi uomini: il fascino nasce di riflesso dalla conformità al programma naturale, a ciò che il loro corpo è in grado di compiere. Il momento in cui appare la pancetta dei primi mesi in te uomo vive solo l’idea, non vedi nulla, non senti nulla ma percepisci che hai qualcuno da proteggere.

Qui è l’istinto di difesa, protezione, salvaguardia. È il primo momento in cui l’idea di padre diviene chiara e precisa: nessuno infatti te l’ha mai detto, il primo che si chiama così sei tu e senti di dover agire. L’attesa della nascita fa maturare l’istinto di responsabilizzarti poiché da quel momento ogni azione è rigettata all’esterno, tutto è decentrato da me al piccolo. Per un uomo la crescita del pancione è un secondo step dall’idea astratta-intangibile del padre alla rotondità che si interpone fra te e lei, e non siete più coppia: un semplice abbraccio diventa a tre. Durante la gravidanza la donna è 2/3 di te .. è l’unico caso in cui uno più uno fa tre!

PREGNANT
Iryna Tiumentseva - Shutterstock

Oggi, ahimè, sovente si parla dell’utero e del parto nei termini di giogo biologico o schiavitù, sei d’accordo?

La prima cosa che ho detto ai familiari dopo il parto è stata “ho rivalutato totalmente la donna!” Un uomo davanti alla grandezza della nascita trova frammentata e spiazzata la sua virilità all’interno di un paradosso: egli è lì, inerme, sta bene, eppure non può essere di alcun aiuto, al di fuori di qualche massaggio alla schiena, costretto a lasciare che la donna sia padrona del momento in modo particolare nella fase finale dove non esiste niente di più forte e intenso di una madre che lotta perché suo figlio venga al mondo.

La cosa sbalorditiva è che nessuno le ha insegnato davvero cosa fare, non lo ha mai sperimentato e non si è allenata all’imprevedibile, lei segue l’istinto e fa quello che sente di dover fare perché è predisposta a farlo. La forza di una partoriente lascerà qualsiasi maschio attonito perché noi non saremmo mai capaci di tutto questo, siamo diversi e biologicamente inferiori (se così si può dire!). Come esperienza il parto è la fonte di un rispetto collaterale che si dirama dall’uomo alla sua dimensione di figlio oltre che di padre: ritorni inevitabilmente al pensiero di tua madre, donna che per te ha accettato la sfida della nascita e provi gratitudine, ammirazione.

Chi decide di non vedere questa bellezza rinnega la natura della donna, per la quale la gravidanza è un concetto primitivo, senza escluderne le difficoltà: mia moglie per poter allattare ha rinunciato a terapie farmacologiche, ha messo da parte la sua salute accettando di farsi carico della sofferenza fisica e psicologica per il bene di suo figlio e io padre ero con lei, è stato oggetto di prova che mi ha permesso di dimostrare a me stesso e a loro due, alla mia famiglia, il mio essere uomo nei fatti. Ecco perché il figlio non è un affare privato della donna perché noi maschi siamo messi a nudo dinanzi alla portata di questo evento.

Potresti dire che tuo figlio a seguito della nascita è diventato ontologicamente qualcuno che prima non era?

Quando guardo mio figlio vedo che non è né me né mia moglie, ma una persona diversa, unica, che non abbiamo mai posseduto, ma accolto. Il nostro primo incontro fuori dalla pancia materna è avvenuto quando l’ho chiamato per nome cercando di tranquillizzarlo e lui, sommerso dalle lacrime, si è calmato, mi ha riconosciuto come suo padre girandosi laddove aveva sentito il suono della mia voce che per nove mesi aveva comunicato con lui. Mi ha insegnato che l’aborto è illogico per chiunque sappia cosa s’intende con gravidanza. Non esiste un diritto a discapito di questa meraviglia e tutto quello che posso dire è che per me la data di nascita è sicuramente il parto, ma il compleanno dovrebbe essere al concepimento non alla nascita, perché tu sei nato lì!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.