Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 28 Settembre |
San Vincenzo de Paoli
home iconStile di vita
line break icon

La prima cosa da fare quando si scopre di essere malati

Shutterstock

Silvana De Mari - pubblicato il 02/08/18

Scegli la tua squadra, gli amici e i parenti che potranno aiutarti e - se possibile - anche i medici, gli infermieri che ti guideranno nel percorso di guarigione. E poi? Ringraziali! Gratificali! Incoraggiali! Ma soprattutto: non lamentarti!

Se abbiamo una malattia grave, potenzialmente mortale, se abbiamo il cancro, decidiamo se vogliamo batterci o arrenderci.
Prendiamo la decisione da soli.
È una scelta nostra.
Se decidiamo di batterci, acquisiamo una mentalità militare.
Non è detto che saranno lacrime e sangue, ma, anche se dovessero essercene, e in quantità, non ci arrenderemo.Lo stabiliamo prima. E quindi niente lamentele. I generali non si lamentano quando le trincee cedono. Lamentarsi non serve.




Leggi anche:
Perché lamentarsi sempre? È più intelligente cercare di essere felici!

Poi stabiliamo chi è la nostra squadra: chi tra amici e conoscenti ha tempo libero per poterci accompagnare, quando sarà necessario non andare soli.
Gratifichiamo la nostra squadra con gratitudine, fiumi di gratificazioni, se possibile.
Niente lamentele con i membri della squadra.

Chi già sta rinunciando a una mattinata di affari suoi per accompagnarci, non deve essere tediato da nessun tipo di lamentela, incluso l’imbarazzo di dare disturbo, che va segnalato un’unica volta, e non ripetuto.
“Mi dispiace di darti disturbo, e sono così felice che tu mi stia accompagnando, grazie. Mi commuove che siate tutti con me. Sono sicuro che ce la farò. Guidi benissimo, è bella la tua macchina, carina la musica che ascolti, grazie di essere puntuale”.
Se la guida è da infarto, se si ascolta heavy metal e se nell’auto ci sono topi morti, se non potete fare complimenti, sull’auto, sulla guida, sulla puntualità, allora su questi argomenti tacete.


MARGHERITA MION

Leggi anche:
Margherita è morta a 18 anni con il sorriso: “Io sono felice, ho avuto una bellissima vita”

Per nessun motivo sono permesse critiche.
Dovete motivare la vostra squadra.
È un vostro compito.
Anche medici e infermieri sono un pezzo della squadra. Motiviamoli. Se fanno qualcosa di giusto, ringraziamoli e segnaliamolo ad un giornale.
La nostra attenzione è acqua e fertilizzante.
Diamo energia e potenza all’oggetto su cui la posiamo.

E poi, sul piano pratico, là dove posiamo la nostra attenzione, lì otteniamo i risultati.
Dunque, paghiamo l’ascolto, quando è stato necessario: grazie per avermi ascoltato, mi sento meglio.
Paghiamo l’aiuto: grazie che mi stai accompagnando, con il tuo aiuto, ce la farò.
Usciamo per sempre dal ruolo del debole, colui che riceve aiuto senza dare nulla in cambio.
La nostra forza aumenterà.
Aumenterà la forza degli altri.
Avremo moltiplicato, quindi, i pani e i pesci.




Leggi anche:
Sapete perché ci lamentiamo così spesso? Perché siamo abituati!

Le neuroscienze hanno dimostrato che ascoltare lamenti è un’operazione talmente dolorosa e penosa che, se prolungata per più di trenta minuti, può causare uno “spegnimento” delle cellule dell’ippocampo, che non è un cavalluccio marino, ma una parte del cervello.
Non lamentatevi mai, quando lo fate per più di 30 minuti ricordatevi che state causando un danno.
Se proprio non potete farne a meno, cercate di fermarvi al ventinovesimo minuto.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
gratitudinelamentarsimalattiatumore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE FRANCIS
Gelsomino Del Guercio
10 tra le frasi e i gesti più discussi di Papa Francesco
2
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni