Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

La fedeltà di Nancy Sinatra

NANCY SINATRA
Domaine Public
Condividi

Abbandonata dal marito, Nancy Sinatra ha tirato su i loro figli, non si è mai risposata e ha continuato ad accogliere e sostenere il coniuge… grazie alla fede.

Una signora molto anziana è morta poco tempo fa a Beverly Hills, il quartiere residenziale delle vedette di Hollywood a Los Angeles. Eppure non aveva mai fatto cinema. Aveva 101 anni ed era la vedova e la prima moglie dell’attore e cantante Frank Sinatra.

Una voce di velluto

Si erano conosciuti ancora adolescenti negli anni ’30, durante la Grande Depressione: discendevano da modesti immigrati italiani di una periferia di New York nel New Jersey. Lei era segretaria, lui cameriere in un ristorante dove cantava durante il dessert. Si sono sposati nella chiesa della Madonna Addolorata di Jersey City. Poi la carriera di Frank nella musica ha spiccato il volo: sono partiti per la California. Lui ha continuato a produrre dei “tubes (il più celebre resta Strangers in the Night) ed è divenuto una vedette di film e di show televisivi, più volte “oscarizzato” e detentore di record di vendita per le registrazioni della sua voce di velluto.

Ha pure avuto delle relazioni importanti – i Kennedy, la famiglia principesca di Monaco (era amico di Grace Kelly) – ma anche meno onorevoli, con dei mafiosi, tra cui il famoso Lucky Luciano, che ha ispirato il personaggio de Il Padrino. E ha collezionato relazioni amorose: Lana Turner, Judy Garland, Lauren Bacall, Marilyn Monroe, Angie Dickinson… Ma la sua prima infedeltà, nel 1951, è stata con la fiammeggiante Ava Gardner, che finì poi per sposare dopo aver ottenuto da un tribunale il divorzio da Nancy. Si sarebbe risposato altre due volte: con Mia Farrow (più tardi compagna di Woody Allen), poi in ultimo con Barbara Blakeley Marx (già divorziata da Zeppo, uno dei Fratelli Marx). Morì nel 1998, «munito dei sacramenti della Chiesa», malgrado tutto il suo vagabondare.

L’amore più forte del peccato

In tutto questo tempo, Nancy ha tirato su i loro tre figli: Nancy Junior, Frank Junior e Christina. Tutti e tre si sono fatti largo nel mondo dello spettacolo: Nancy è rimasta a Beverly Hills senza preoccupazioni materiali. Il divorzio che aveva subito non le aveva fatto torto, da questo punto di vista… Pur restando una buona parrocchiana nella chiesa del Buon Pastore e continuando ad occuparsi di opere caritatevoli, Nancy continuò a ricevere gli amici che si era fatti di tra le star. E quello che più regolarmente e più lungamente venne a bussare alla sua porta, sicuro di essere ben accolto, era… Frank Sinatra.

In mezzo alla sua vita agitata, nei momenti difficili che – a causa degli scandali e dei fallimenti – non sono mancati, o semplicemente per ritrovare un po’ di sincerità e di verità su sé stesso, Frank tornava da Nancy. Lei gli cucinava della buona pasta “al dente” e lo ascoltarla senza giudicarlo né giustificarlo. È uno straordinario esempio di fedeltà malgrado i venti contrari: fedeltà di una moglie, ma che derivava da quanto aveva appreso al catechismo, cioè che l’amore è più forte del peccato.

[Traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni