Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La bella vita falsa che molti sentono il bisogno di mostrare

WOMAN NARCISSIST
Octa Corp - Shutterstock
Condividi

Ci sono persone così preoccupate di fare bella figura e di essere gradite che finiscono per perdere se stesse

Ci sono persone così preoccupate di fare bella figura e di essere gradite che finiscono per perdere se stesse. Sono tanti quelli che si nascondono dietro grandi menzogne e col passare del tempo perdono la nozione della realtà, non riuscendo più a vivere da persone vere.

Siamo condizionati dal successo altrui e incentivati ad essere uguali. Ci rendiamo conto a malapena che in certe situazioni dietro una foto postata ci sono quasi sempre delle maschere. Quasi sempre ci sono persone con l’anima ferita che cercano di mostrarsi forti.

Quando la persona si lascia sedurre dalle tentazioni dell’ego e della vanità, finisce per offrire la sua vita per un viaggio di sola andata. Cercare di competere con il mondo è il modo migliore e più rapido per essere sconfitti.

La maggior parte delle volte postiamo solo quello che vogliamo che gli altri vedano, quello che vogliamo essere (e che molte volte non siamo). La verità non è sempre mostrata.

Mille filtri per arrivare alla foto perfetta. Quante volte, in cerca dell’approvazione altrui, dipingiamo un quadro del tutto diverso dalla realtà? Non è sempre quello che sembra, vediamo persone che stanno per cadere in un precipizio ma vogliono che tutti pensino il contrario.

La ricerca malata dei “Mi piace” trasforma le persone in ostaggi delle loro menzogne. I post degli altri diventano una provocazione, e bisogna mostrarsi migliori. Cambiare le apparenze non basta più, bisogna fingere un’altra vita.

In realtà, ci sono casi in cui la differenza di apparenze tra la persona reale e quella mostrata sullo schermo del computer è così grande che nella maggior parte dei casi è incredibile. Sono figure diverse, quasi irriconoscibili quando vengono affiancate.

La società si riconfigura quando si proietta un’immagine vittoriosa. C’è un’accettazione maggiore. C’è una glorificazione dell’essere belli, ricchi e perfetti, e non inquadrarsi in questo fa male, influendo sull’autostima o troppo scossa o troppo elevata. Paradossi difficili da comprendere.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni